Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Agropoli. La Fornace diventa polo culturale, Alfieri: “Restauro di uno dei simboli del territorio”

Scritto da Redazione il 4 settembre 2013 in Piana del Sele. Stampa articolo

FornaceAgropoli. Il comune di Agropoli decide di investire sulla cultura e sulla riqualificazione del territorio, è ciò che si evince dagli ultimi lavori in progettazione. In particolar modo l’amministrazione comunale punta ad investire sulla cultura, a tal proposito è stato aggiudicato l’appalto dei lavori di recupero e di riqualificazione dell’antica struttura della fornace di Campamento. L’ opera che dal 1880 al 1969 ha rappresentato una delle maggiori leve produttive ed economiche del territorio, diventerà adesso un polo culturale.

A tal proposito, il Sindaco di Agropoli Franco Alfieri ha dichiarato: “Dopo l’acquisizione e i primi interventi di riqualificazione del Castello angioino aragonese, l’apertura del Palazzo Civico delle Arti e la prossima ultimazione dei lavori per il cineteatro, siamo ormai pronti per inserire e fornace_oggiconcretizzare un altro prezioso tassello nel programma di investimenti nel settore della cultura. Ad Agropoli, in tal senso, in controtendenza rispetto ai dati nazionali – continua- abbiamo deciso di puntare anche e tanto sulla cultura, ritenendola uno dei motori principali dell’economia, destinando importanti risorse di bilancio. La vecchia fornace – aggiunge il primo cittadino – è uno dei simboli dello sviluppo del territorio, avendo rappresentato per diversi decenni del secolo scorso un riferimento per il settore produttivo e per l’occupazione. E’ stata- conclude- recentemente riconosciuta, dal Direttore Regionale per i beni culturali e paesaggistici, sito di interesse particolarmente importante e, pertanto, sottoposto a tutela. Dopo aver acquisito al patrimonio pubblico l’area siamo pronti, quindi, a procedere ad interventi di restauro e riqualificazione”.

fornace-agropoli1

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA