Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

San Marco di Castellabate. Coldiretti propone il week end ‘a miglio zero’: vendita diretta di pesce

Scritto da Redazione il 4 settembre 2013 in Cilento. Stampa articolo

PORTOsmarco1San Marco di Castellabate. Week-end a “chilometro e a miglio zero” a San Marco di Castellabate con un doppio appuntamento legato alle eccellenze del territorio: venerdì  e sabato prossimo, la Coldiretti Salerno organizza il Weekend del Gusto in collaborazione con Ue Coop Salerno, Campagna Amica, il Consorzio dei Pescatori riuniti e la cooperativa Sciarpetella.

La grande novità sarà la vendita di pesce fresco sulle banchine del porto, dal pescatore al consumatore: tre paranze attraccheranno nel porto di San Marco, dalle 19.00 in poi, per dar vita al progetto Coldiretti “miglio zero”. Sarà allestito anche uno stand che preparerà fritti misti con pesce azzurro. Non mancheranno gli stand Campagna Amica con vendita di prodotti tipici della provincia, dall’olio extravergine di oliva al vino, dalle nocciole ai formaggi alle aromatiche: mare e terra, dunque, si uniscono in questo progetto Coldiretti per offrire una vetrina di grande spicco per l’agroalimentare di qualità della provincia e per il pescato fresco delle paranze salernitane.

L’iniziativa viene realizzata grazie all’impegno del presidente delegato di Capaccio, Nicola Palma e della coordinatrice dei Mercati di Campagna Amica, Paola Passaro, con l’importante partnership del Comune di Castellabate e della Capitaneria di Porto locale diretta dal comandante Pasquale De Vita. Il “miglio zero” è un progetto fortemente voluto dal presidente della Coldiretti Salerno, Vittorio Sangiorgio, per sostenere la flotta salernitana e rilanciare il consumo di pesce locale, “accorciando” la filiera, tagliando le intermediazioni e tracciando il pescato per contrastare le importazioni massicce di pesce non italiano. Secondo Coldiretti, il 75% del pesce consumato all’anno pro-capite “non è italiano” ma proviene da altri Paesi; solo 5 dei 20 chilogrammi è “Made in Italy”. Di qui l’iniziativa Coldiretti dei Weekend del Gusto che si inserisce nell’ambito del progetto di rilancio e valorizzazione del pescato locale, per provare ad invertire la crisi del settore che è sempre più forte.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA