Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Halgurd-Sakran. In Iraq alla scoperta della natura selvaggia e incontaminata

Scritto da Redazione il 14 settembre 2013 in Viaggi. Stampa articolo

iraqParco Halgurd-Sakran: una riserva naturale nell’estremo Iraq. Per gli amanti della natura e delle città storiche un nuovo itinerario alla scoperta delle bellezze di un luogo così poco conosciuto.

Nell’immaginario comune, purtroppo, l’Iraq risulta essere una terra caratterizzata dalla desolazione e dalla violenza. Questa zona ha sicuramente risentito, soprattutto in passato, di momenti poco felici. Eppure nel 2011 National Geographic la inseriva nella top 20 dei migliori viaggi da fare quell’anno e il New York Times la indicava come uno dei 41 luoghi da visitare.

Alle motivazioni addotte dalle due famose riviste negli anni scorsi, ora  possono essere aggiunte anche le bellezze naturali che già impreziosivano il territorio, ma che da un anno sono tutelate e valorizzate grazie all’istituzione di un parco nazionale. Nella parte nord del Paese, quasi a confine con la Turchia e l’Iran, si collocano alte montagne innevate e valli ricche di vegetazione.

Tutta la zona, che si estende per più di mille km quadrati, è divenuta riserva naturale e prende il nome di  Parco Nazionale Halgurd-Sakran (così chiamata dal Monte Halgurd che con i suoi 3.607 metri è la seconda montagna più alta dell’Iraq). La riserva non è solo ricca di panorami mozzafiato, lussureggianti vegetazioni e cascate, ma si distingue anche per il patrimonio storico: i visitatori che decidono di recarsi a Halgurd-Sakran potranno ammirare la città storica  Arbil (Erbil), che risale all’impero assiro e la cui cittadella è nel patrimonio dell’Unesco, oltre al sito della battaglia di Gaugamela dove Alessandro Magno sconfisse Dario III.

Con la trasformazione dell’Iraq in una federazione, la regione irachena del Kurdistan ha raggiunto maggiore autonomia ed è in grado di rilasciare visti turistici con più facilità e promuovere il suo territorio indipendentemente dalla capitale Baghdad. Non esistono ancora stime precise dei visitatori del parco, ma circa 2,27 milioni di turisti hanno visitato la regione lo scorso anno e, già nei primi sei mesi del 2013, la regione ha accolto 1,2 milioni di visitatori nazionali e stranieri.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA