Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Le pagelle di Paganese – Ascoli: Tripoli e Pestrin i migliori in campo, per Perrotta giornata da dimenticare

Scritto da Redazione il 16 settembre 2013 in Paganese. Stampa articolo

15092013-DSC_1636PAGANESE

Volturo 6: Sul gol è incolpevole per il resto del match tutti i tentativi dell’Ascoli terminano lontano dallo specchio.

Sepe 5: Non spinge, non dà la sicurezza difensiva che da lui ci si aspetta.

Amelio 6,5: Uno dei migliori in campo attento in fase difensiva è una spina nel fianco per la difesa ospite.

Panariello 5,5: Certamente meglio del suo compagno di reparto. Nonostante qualche buon disimpegno è spesso in ritardo sugli avversari intervenendo di conseguenza in maniera scomposta.

Perrotta 4,5: Sicuramente il peggiore dei suoi, si lascia scappare Tripoli sul gol. Si dimentica che il suo compito è quello di marcare gli avversari e vaga senza meta, lasciando spesso gli attaccanti bianconeri completamente da soli.

Franco 5,5: Regista e motore della squadra sono mancate le sue idee. Evidentemente risente ancora dell’infortunio patito in settimana.

Velardi 5: L’uomo di gamba del centrocampo azzurrostellato non mette in mostra le sue doti fisiche e tecniche. Spesso lento e impacciato nell’impostazione dell’azione.

William 5,5: Mostra a sprazzi il suo talento brasileiro. Salta con apparente facilità gli avversari ma non produce nulla di funzionale per la squadra.

Deli 5,5: Match a due volti il suo, prima frazione da protagonista, crea spesso la superiorità numerica. Nella ripresa si intestardisce spesso in dribbling inutili e non ripiega mai in aiuto dei compagni.

Martinovic 5: Il numero 10 azzurrostellato dovrebbe creare scompiglio nella difesa avversaria ma in pratica non mette mai in difficoltà la retroguardia marchigiana. Impalpabile.

Novotnhy 5,5: Il gioiellino scuola Napoli non mette in mostra le proprie potenzialità per colpe non sue. Non gli viene servita alcuna palla giocabile, lui lotta e fa quel che può.

De Sena (dal 55’) 6,5: Il numero 18 azzurrostellato è l’unico che riesce a creare scompiglio nella difesa avversaria. Salta con continuità l’uomo, ci prova da lontano, su calcio da fermo e di testa. Forse è stato un errore tenerlo in panchina.

Meola s.v.

Iraci s.v

All. Maurizi 5: Dopo un primo tempo asfittico non riesce a far cambiar marcia alla propria squadra. Tiene il migliore dei suoi, De Sena, colpevolmente in panchina fino al 55’. Gli ingressi di Meola e Iraci non spostano minimamente gli equilibri.

 

ASCOLI

Russo 6: Giornata di normale amministrazione per lui.

Scalise 6: Non spinge con continuità ma difende con attenzione.

Giacomini 5,5: Si limita a fare il compitino. Gara senza infamia e senza lode. Si lascia prendere troppe volte dal nervosismo battibeccando spesso con avversari e direttore di gara.

Bianchi 6,5: Tanta esperienza e sicurezza per il difensore classe ’80 che tiene a bada agevolmente il giovane Novotnhy.

Schiavino 6: Gara gestita con tranquillità senza troppe apprensioni.

Capece 6: Dirige bene il traffico in un centrocampo abbastanza affollato. Sempre preciso negli appoggi, porta a casa una buona prestazione.

Pestrin 7: Vero gladiatore. Recupera palloni su palloni, detta i ritmi ai suoi e imbecca spesso gli attaccanti con lanci millimetrici.

Falzerano 6: Anche lui molto più attento in fase di copertura che in spinta. Ma è sempre preciso nei disimpegni.

Colomba 5,5: Non riesce a inventare nulla di pericoloso, sembra sempre pronto a tirar fuori il coniglio dal cilindro ma ciò non accade.

Tripoli 7: Dopo essersi divorato un gol a tu per tu con Volturo si fa perdonare mettendo dentro un bel diagonale di destro nell’angolino basso. Corre su e giù svariando molto anche in zona offensiva.

Malatesta 6: Non gli vengono forniti troppi palloni giocabili, ma quando viene servito è bravo a proteggerla e far salire la squadra.

All. Vallesi 7: Ha preparato la gara in ogni minimo dettaglio. I suoi si muovono in maniera armoniosa, difendendo con attenzione e ripartendo in velocità.

 

Salvatore Serio

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA