Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Perizia crollo Piazza Libertà. M5S: “La colpa non è solo di De Luca, ma anche di chi doveva controllare”

Scritto da Redazione il 18 settembre 2013 in Evidenza,Salerno. Stampa articolo

piazza-libertà-per-evidenzaSalerno. Ci sono problemi nella costruzione della Piazza Libertà di Salerno per la quale è stata fatta una perizia per accertare le difficoltà riscontrate nel mettere mattone su mattone.

“La situazione strutturale della piazza è da brividi. Altro che “bomba” come la sparò grossa De Luca all’indomani del crollo del settore 2″, scrive il professore Nicola Augenti, incaricato dal tribunale di Salerno, per l’incidente probatorio in atto sul crollo verificatosi lo scorso anno. Inoltre il professore Augenti ritiene che ci debba essere un ulteriore approfondimento da parte dell’Autorità Giudiziaria Inquirente su chi propose e accettò varianti particolarmente onerose.

A muoversi per questa situazione sono i rappresentanti del Movimento 5 Stelle Salerno, Andrea Cioffi, Silvia Giordano, Girolamo Pisano e Angelo Tofalo, i quali chiedono almeno le scuse da parte del primo cittadino verso i salernitana che attendevano l’edificazione della piazza in buone condizioni.

“Nel frattempo il Sindaco continua a fare come lo “struzzo”, a mettere la testa sotto la sabbia, facendo finta di nulla. Eppure su piazza dell’incapacità non ci sono i ricorsi dei cialtroni, dei comitatismi o di associazione finto ambientaliste. Da New York al Vietnam, povera Salerno. E pensare che nella zona delle chiancarelle c’era già un enorme parcheggio pubblico, e i commercianti lo ricordano bene, una spiaggia ora devastata e dimezzata, 5 platani secolari e un albergo. Ora una desolante spianata di cemento mal fatta e da rifare. Qualcuno chieda almeno scusa ai salernitani.”

Il progetto messo in cantiere è errato. Oltre alla causa principale costituita da un errore di progetto e alla causa secondaria rappresentata dall’errato posizionamento delle armature, la catena delle responsabilità si estende anche a chi doveva controllare.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA