Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Scafati. Tares, Ministero bacchetta il Comune. Aliberti: “Lo Stato ci ha ormai commissariato”

Scritto da Redazione il 26 settembre 2013 in Agro Nocerino. Stampa articolo

stemmaScafati. Il Ministero delle Finanze ha sanzionato il Comune di Scafati per i ritardi del pagamento della Tares, invitandolo a rispettare le scadenze previste dalla legge.

A tal proposito il primo cittadino di Scafati, Pasquale Aliberti, ha dichiarato: “E’ inaudito che un tributo comunale che serve a coprire i costi di gestione del ciclo dei rifiuti debba in parte essere trasferito allo Stato diventando a tutti gli effetti una tassa ‘statale”

Aliberti, poi, continua: “Le norme nazionali ci impongono di suddividere il pagamento in tre rate più il conguaglio, la prima entro il 30 settembre, la seconda  entro il 31 ottobre, la terza entro il 30 novembre più il conguaglio fissato entro il 31 dicembre,  in quanto l’intero tributo deve essere incassato entro l’anno di competenza.”

Tale regime è stato oggetto di monito da parte del Ministero delle Finanze, il quale solo per aver individuato in delibera la scadenza del conguaglio ad aprile  ha provveduto prontamente a bacchettare il Comune di Scafati.

In merito a ciò il Sindaco ha dichiarato: “L’ingerenza del Ministero è la dimostrazione che ormai lo Stato ha commissariato i comuni, in quanto i sindaci non hanno più capacità decisionale, ma in compenso sono i soli a metterci la faccia e ad esporsi con i cittadini. La traslazione della Tares, il mancato incasso IMU prima casa rimangono, le principali cause della  difficoltà di cassa riscontrata da tutti i comuni italiani. I sindacati chiedono il pagamento degli straordinari elettorali, i librai l’anticipazione del credito per i libri scolastici, gli operatori sociali gli stipendi arretrati, i fornitori i pagamenti puntuali: tutti hanno ragione, ma la battaglia va indirizzata a questo Governo, al quale insieme agli altri sindaci d’Italia, stiamo chiedendo di cambiare le regole, affinché i comuni non siano ingiustamente mortificati”.

 

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA