Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Contursi. Bidello si denuda e lancia sassi nella segreteria della scuola. Ferito un carabiniere

Scritto da Redazione il 28 settembre 2013 in Piana del Sele. Stampa articolo

imagesContursi Terme. A dir poco sconcertante l’episodio accaduto ieri mattina alla direzione didattica di Contursi Terme, dove un bidello 47enne, con problemi psichici, ha cominciato ad inveire contro gli addetti della segreteria.

L’uomo si è presentato nell’ufficio ed ha cominciato ad andare in escandescenza. Inutili i tentativi di calmarlo, il 47enne ha preso un grosso masso e l’ha scagliato contro una porta sfondando un pannello.

Il collaboratore scolastico non aveva mai dato segni di squilibrio così plateali, nonostante i problemi di salute e restano perciò ancora da chiarire le motivazioni che lo hanno indotto a comportarsi in questo modo.

Di quanto stava accadendo nel plesso scolastico, sono stati informati i carabinieri della locale stazione, guidati dal maresciallo Sacchinelli. L’azione di bloccarlo è riuscita, ma uno dei sottufficiali ha riportato delle ferite guaribili in sette giorni dai medici dell’ospedale San Francesco D’Assisi di Oliveto Citra.

Mentre i militari riuscivano a contenere la sua furia, il bidello ha cominciato a denudarsi. Per fortuna nessuno studente ha assistito alla scena perché al momento del raptus stavano tutti seguendo le lezioni all’interno delle aule.

Sul posto è arrivata anche un’ambulanza del 118, dall’ Humanitas di Ponte Oliveto, che ha caricato l’uomo e lo ha portato in ospedale per il trattamento sanitario obbligatorio disposto dal sindaco di Contursi, Graziano Lardo.

Nei confronti del 47enne non è stato adottato alcun provvedimento giudiziario. Lo stato di incapacità mentale di intendere e di volere lo rende, infatti, impunibile. In altre condizioni avrebbe rischiato l’arresto per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, oltre ad una serie di denunce penali.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA