Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Sanità privata al collasso, la CISL FP chiede un incontro urgente a Morlacco

Scritto da Redazione il 14 ottobre 2013 in Salerno. Stampa articolo

cisl-fp-logoSalerno. La conflittualità e la vertenza della sanità privata – afferma De Sio Antonio Coordinatore per la CISL FP della sanità privata – non trova tregua e sempre più si aggrava la situazione di tutte le strutture del privato accreditato. Oltre alle condizioni inaccettabili e ben note di mancata erogazione di arretrati stipendiali per svariate mensilità e di minacce di licenziamenti ovvero di importanti ridimensionamenti degli organici, la regione aggrava la situazione imponendo ulteriori abbattimenti dei tetti di spesa ormai oltre ogni limite di sopportazione. Bisogna a breve fare sentire tutte le nostre ragioni in ogni luogo e in ogni dove anche con manifestazioni e momenti di lotta serrati, poiché si stanno gravemente minando diritti di lavoratori ed utenti con grave rischio per tutta la popolazione salernitana di non vedersi più garantiti il diritto fondamentale alla salute.”

“Il grave attacco ai livelli essenziali di assistenza – ribadisce Pietro Antonacchio Segretario Generale della CISL FP di Salerno – oltre che con i tagli lineari ai tetti di spesa delle strutture private si perpetra sicuramente con la mancata politica di riorganizzazione dei servizi che è l’unica strada perseguibile per evitare il tracollo del sistema. Bisogna prendere atto che il fallimento di un percorso di razionalizzazione e di riconversione della filiera dei servizi socio sanitari ed assistenziali trova la sua ragione evidente nella incapacità dell’attuale management sanitario di integrare il sistema pubblico e privato nella erogazione di servizi di qualità a partire dai reali bisogni della gente. Da una parte si vorrebbe evitare la mobilità passiva dall’altra non si favoriscono percorsi condivisi atti a fare organizzate il privato accreditato, allo stato unico settore capace di riorganizzarsi nel breve periodo per dare risposte immediate all’utenza e ridurre i loro disagi , lasciando morire servizi e strutture pubbliche, trascinando nel tracollo, oltre alle proprie, anche le eccellenze delle strutture private che sono presenti nella realtà salernitana. Come è altrettanto scellerato verificare che ad una forte richiesta di assistenza socio assistenziale, la maggior parte delle strutture private che hanno riconvertito le proprie attività per dare risposte concrete ai bisogni di persone anziane, portatori di handicap  e malati psichiatrici, sono quelle che rischiano il fallimento ovvero sono costrette, da tagli sconsiderati, ad una forte contrazione delle attività con grave rischio per il mantenimento dei livelli occupazionali. Bisogna porre immediatamente un argine altrimenti sarà  inevitabile come accade di sovente che la crisi la pagano sempre i più deboli.”

 

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA