Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Segreteria Provinciale Pd. Pedace (GD) si dimette da segretario: “Invito Landolfi e Annunziata a fare lo stesso”

Scritto da Redazione il 15 ottobre 2013 in Politica. Stampa articolo

Vincenzo Pedace (Pd)Salerno. Si dimette dalla carica di segretario dei giovani democratici per rispetto nei confronti degli altri candidati.

Vincenzo Pedace in corsa per la carica di segretario provinciale del Pd annuncia di aver presentato le proprie dimissioni, “irrevocabili”.  Assieme al leader uscente dei giovani democratici concorrono il segretario uscente Nicola Landolfi e l’assessore di Atena Lucana Sergio Annunziata .

“E’ una questione di trasparenza – esordisce Pedace – ma anche di rispetto nei confronti di Annunziata e Landolfi, chi si candida a ricoprire una carica così prestigiosa – sottolinea – non può dare adito a qualsivoglia tipo di fraintendimento, deve dimettersi da qualsiasi incarico”.

Dimissioni non obbligatorie.

“Mi piace far notare che non c’è incompatibilità tra la carica di segretario dei giovani democratici e quella di candidato alla segreteria provinciale, nonostante ciò credo che siano moralmente doverose”

Un invito a fare altrettanto rivolto all’attuale segretario provinciale e all’assessore di Atena Lucana.

“Auspico che facciano lo stesso anche gli altri candidati, mai come ora la politica necessita di cambiamento e scelte coraggiose”.

Nessuna polemica con Annunziata, nell’occhio del ciclone nei giorni scorsi per presunte irregolarità nella raccolta delle firme necessarie alla presentazione della candidatura, questione poi del tutto risolta.

“Ho auspicato dal primo momento che Annunziata fosse ammesso alla gara, a prescindere dalle voci che sono circolate sui giornali, il Pd si compone di anime diverse ed è giusto che tutti possano avere la possibilità di dire la propria su come affrontare le sfide difficili che attendono il partito”.

Raffaele de Chiara 

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA