Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Cava de’ Tirreni. Riparte la rassegna musicale MoroInJazz

Scritto da Redazione il 16 ottobre 2013 in Eventi. Stampa articolo

Joey DeFrancesco Trio performs at Cabaret Jazz at The Smith Center For Performing Arts in Las Vegas, NV on March 20, 2012Cava de’ Tirreni. Venerdì riparte la stagione invernale di MoroInJazz, la rassegna musicale del Pub Il Moro di Cava de’ Tirreni con un concerto in esclusiva con  il superbo organista Joey DeFrancesco.
Un appuntamento di grande qualità voluto fortemente dal direttore artistico Gaetano Lambiase, che accoglie nelle sale del locale del Borgo Scacciaventi, che ha portato nel corso degli anni, grandi artisti internazionali e nazionali, colui che è universalmente considerato da vari lustri come il migliore organista al mondo: Joey Defrancesco.
Un inizio in grande stile che, venerdi a partire dalle 22.00, ospiterà il trio del campione del funky jazz, che con l’organo si muove nel solco del leggendario Jimmy Smith. Si esibirà in trio con due musicisti straordinari, il fuoriclasse Steve Cotter (Guitar) e Ramon Banda (Drums).

Joey De Francesco, per le sue straordinarie doti tecniche, espressive e di fantasia, è considerato a buon diritto il musicista ideale per traghettare nel terzo millennio le sorti di questa affascinante tastiera. Non a caso a incoronarlo re dell’ Hammond è stato proprio Jimmy Smith, massimo interprete che lo strumento abbia mai avuto in tutta la storia del jazz, allorché cedette al giovane talento il suo B3, uno storico esemplare del 1959, accettando poi di partecipare alle registrazioni di “Legacy”, disco che DeFrancesco ha pubblicato nel 2005.

Negli anni Joey DeFrancesco ha pubblicato quasi trenta album da solista e circa un centinaio di collaborazioni con altri artisti, uno dei pochi organisti jazz ad aver tenuto per molti anni di seguito il primo posto nelle classifiche di preferenza dei lettori di riviste specializzate. Il suo stile, per quanto rispettoso della lezione di grandi del passato quali Jimmy Smith, è fresco ed innovativo e le sue composizioni risultano tecnicamente complesse ed armonicamente profonde.
Dotato di un ottimo orecchio assoluto, è in grado di imitare il modo di suonare di numerosi jazzisti ma ha anche sviluppato un suo stile innovativo e coinvolgente.

 

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA