Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Acquistare casa all’asta e risparmiare il 25% del costo dell’immobile, una guida in aiuto

Scritto da Redazione il 28 ottobre 2013 in Consumatori. Stampa articolo

asta immobiliareSe i costi del mercato tradizionale diventano troppo alti, è possibile trovare modalità alternative per l’acquisto della casa. Oltre ai cosiddetti contratti “anti-crisi”, si può ricorrere alle aste immobiliari: una soluzione che può essere conveniente, oggi più accessibile e garantita grazie anche all’introduzione delle aste telematiche. In alcuni casi, le aste consentono di acquistare un immobile a un prezzo ribassato anche fino al 25%, nel caso in cui la prima asta vada deserta.

Partecipare ad un’asta immobiliare richiede un pò di tempo e di conoscenza di tale modalità di acquisto: ecco perciò qualche consiglio utile.

Prima di partecipare a un’asta immobiliare, è bene rivolgersi alla cancelleria del giudice delle esecuzioni o al professionista delegato, ovvero affidarsi a un legale, in modo da chiarire ogni dubbio.
E’ importante non dare per scontata la convenienza del prezzo: infatti, anche se il prezzo dell’immobile può essere molto inferiore rispetto al valore di mercato, meglio non dare per scontato che l’importo successivo di aggiudicazione sia sempre conveniente.
E’ importante poi valutare i propri tempi: bisogna considera se si ha o meno urgenza di disporre dell’immobile in quanto i tempi di chiusura di un’asta non sono sempre prevedibili.
È molto importante prendere visione dell’avviso di vendita, della relazione di stima, delle planimetrie, delle fotografie e di tutti i documenti pubblicati su appositi siti web almeno 45 giorni prima dell’asta.
E’ necessario leggere la perizia che specifica anche i vincoli e gli oneri che saranno cancellati e quelli che resteranno a carico dell’acquirente.
Prima dell’asta, con l’ausilio del custode nominato dal giudice delle esecuzioni, è indispensabile visitare l’immobile per rendersi conto degli aspetti non menzionati nella perizia.
E’ importante definire il limite massimo della somma che si vuole investire per non correre il rischio di farsi trascinare dall’emotività ed esporsi più del dovuto durante l’asta ed informarsi sulle spese che da sostenere oltre al prezzo di aggiudicazione.
E’  necessario fare attenzione alle modalità di pagamento: se si acquista all’asta, bisogna disporre velocemente della cifra richiesta oppure farsi rilasciare un mutuo per tempo, tenendo presente che potrebbero esserci delle difficoltà nell’istruire la pratica.
E’ inoltre importante tener conto dei benefici fiscali: ai beni acquisiti con le aste immobiliari si applicano gli stessi benefici previsti per i trasferimenti immobiliari e la volontà di usufruire delle agevolazioni fiscali deve essere espressa in sede di asta o, meglio, al termine.
Infine, bisogna fare attenzione agli immobili occupati: in caso di difficoltà, ad esempio se l’immobile è occupato senza regolare contratto d’affitto, il nuovo proprietario dovrà provvedere a proprie spese a eseguire lo sfratto, rivolgendosi a un legale che procederà all’immediata liberazione tramite ufficiale giudiziario.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA