Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Mercato San Severino. Lavori sospesi alla scuola ‘Virgilio’, Romano chiede un incontro con Iannone

Scritto da Redazione il 29 ottobre 2013 in Valle Irno. Stampa articolo

Sindaco-RomanoMercato San Severino. Il sindaco di Mercato San Severino, Giovanni Romano, ha chiesto, in una lettera indirizzata al presidente della Provincia di Salerno Antonio Iannone, all’assessore all’edilizia scolastica Nunzio Carpentieri e al dirigente del settore edilizia scolastica Lorenzo Criscuolo, un incontro urgente per avere chiarimenti sui lavori di realizzazione dell’edificio scolastico che dovrà ospitare l’istituto ‘Virgilio’, sospesi dalla ditta lo scorso 12 luglio.

La lettera è successiva ad una comunicazione di qualche giorno fa, inoltrata dal Sindaco Romano alla Provincia. In essa il primo cittadino sollecitava gli organi competenti sulla questione: “Interpellato per le vie brevi, in ordine alla ripresa dei lavori, è stata paventata dal legale rappresentante dell’impresa l’eventualità dell’avvio di una procedura giudiziaria nei confronti della Provincia per quanto vantato che potrebbe preludere a ben più rilevanti conseguenze ai fini degli impegni assunti dall’impresa. Una simile eventualità è motivo di grande preoccupazione per la nostra comunità, che attende quest’opera da circa venti anni, e per la stessa Dirigenza dell’Istituto, condizionato dalla divisione delle sue articolazioni didattiche in quattro sedi di proprietà comunale”.

“Si attende”, scrive Romano nella lettera odierna, “un riscontro della Provincia, a seguito di questa ulteriore sollecitazione che deve portare alla convocazione urgente di un incontro con i rappresentanti dell’impresa, i Dirigenti provinciali e i rappresentanti del Comune allo scopo di individuare le migliori soluzioni per scongiurare il blocco dei lavori a tempo indeterminato e far riprendere, fino a conclusione, i lavori di realizzazione della struttura”.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA