Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

L’Antitrust dichiara illegittimo il doppo incarico di De Luca. Il Sindaco rilancia: “Non mi dimetto”

Scritto da Redazione il 1 dicembre 2013 in Evidenza,Politica. Stampa articolo

imageMugnano di Napoli.  “Scegliere? E perche’ mai?” Cosi’ il sindaco di Salerno e vice ministro alle Infrastrutture Vincenzo De Luca risponde dopo soli due giorni dall’arrivo dell’aut aut dell’Antitrust sul ricorso bocciato dall’Authority.

“Guardi che l’Antitrust mi ha dato ragione”- non si arrende  De Luca- “L’Antitrust ha confermato, come dico da tempo, che la nomina a vice ministro non e’ mai stata perfezionata. E’ nulla”. Anche come sottosegretario e’ incompatibile. “Lo so bene ma io non sono sottesegretario: quindi tra cosa dovrei scegliere? Si sceglie quando hai due incarichi operativi. Ed io ho solo quello di sindaco”. E’ questo il ragionamento del primo cittadino che preannuncia di non voler ricorrere al Tar del Lazio contro la decisione dell’Antitrust. “Basta carte bollate. Rimango dove sono e per le deleghe si vedra’ dopo le primarie quando cambieranno gli equilibri politici del Governo e Lupi dovra’ mollare una parte delle sue deleghe. Punto”. Alza gli occhi al cielo e taglia corto prima dell’incontro politico dell’area nord est della provincia di Napoli che disegna il suo futuro.

Bisogna fare un salto indietro di 5 anni, esattamente nel 2008, quando il sindaco De Luca venne a parlare di buona amministrazione a Villaricca. E stavolta riparte da poco lontano, nella vicina Mugnano con un incontro con tutti i sindaci dell’area Nord. Si candida di nuovo alle regionali? “Io mi candido solo a risolvere i problemi della Campania dopo 3 anni di vuoto alle Regione”. “Abbiamo perduto-alza i toni e va contro Regione e Comune di Napoli- senza risolvere nulla”. “Ne’ rifiuti, ne’ la differenziata. Chi aspettiamo l’Onu?”

In una piccola sala comunale preparata per le grandi occasioni, dal forte odore di candeggina, la gente e’ stipata e tanti dei presenti, molti dei quali cittadini, fanno a gara per accaparrarsi una foto con De Luca ed il primo cittadino di Mugnano Giovanni Porcelli che quasi implora De Luca: “Vince’, candidati alla Regione”. Sul tavolo, in corrispondenza del sindaco di Salerno, un piatto di sfogliatelle e baba’, gli stessi che  De luca aveva chiesto con tono di sfida dopo aver trovato sulla cassetta della posta della sua abitazione la testa di un maiale.

De Luca congeda tutti con un’ultima arringa: “Io non mollo, difendo gli interessi del Sud altrimenti Lupi usa il ministero come una bottega. O mi danno le deleghe o sono pronto pure a fare la guerra dei trent’anni”.

Antonella Bianco

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA