Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Nuova legge quadro sullo sport, arriva la tessera elettronica della salute per gli atleti campani

Scritto da Redazione il 11 dicembre 2013 in Attualità. Stampa articolo

coniNapoli. Ieri nella sede del Coni di Napoli, è stata presentata  la nuova legge quadro sullo sport, alla presenza del presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, e del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris.

La nuova legge quadro, che sarà applicata solo dopo il varo dei decreti attuativi della Giunta regionale, va a sostituire la precedente che risale al 1979. L’impianto normativo è completamente diverso:  una grande attenzione è stata dedicata alla gestione e alla fruizione delle strutture sportive e, come ha sottolineato il presidente della Regione, ”è stata fatta parlando con chi si occupa dello sport e del mondo della scuola per cercare di coinvolgere sempre di più i giovani”.

Tra le grandi novità c’è l’introduzione di una tessera della salute elettronica che accompagnerà gli atleti campani dall’ esordio fino alla fine della loro carriera. La copertura finanziaria della nuova legge è, per il primo anno, di un milione e mezzo di euro al quale si aggiungeranno i trenta milioni dei fondi strutturali dell’ Unione Europa.

“Con questa nuova legge quadro sullo sport la Regione Campania è all’ avanguardia – dichiara il governatore Stefano Caldoro – E’ un punto di riferimento in ‪Italia, finalmente una legge organica che la ‪‎Campania non ha mai avuto, indirizzata ai nostri giovani, agli atleti, per la gestione degli impianti sportivi pubblico privato. Lo sport è centrale, anche in questo settore vogliamo mettere in campo le buone pratiche e dare il buon esempio”.

“Una legge che prevede anche la carta elettronica sanitaria dell’atleta, in cui credo molto. E’ stata fatta parlando con chi si occupa dello sport e del mondo della scuola per cercare di coinvolgere sempre di più i giovani e rispondere alle loro esigenze – continua Caldoro – La Regione ha previsto un finanziamento di 1,5 milioni di euro, che sono sicuramente un punto di partenza in una situazione difficile per il reperimento delle risorse e che si aggiungono ai 30 milioni di fondi strutturali stanziati per l’impiantistica”.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA