Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Conigli domestici, ecco alcuni consigli per il loro benessere

Scritto da Redazione il 11 dicembre 2013 in Animali. Stampa articolo

conigliAdottare un coniglio come animale da compagnia è una pratica ormai più che usuale. Anche avere un coniglio in casa è una responsabilità, così come per un cane, un gatto o un canarino. Infatti, tutti gli animali hanno specifiche esigenze. Bisogna tenere presente che il coniglio ha una vita media di 5-8 anni e sarà un impegno per tutto questo tempo.

Il coniglio deve avere un alloggio adeguato, come un gabbia spaziosa, che contenga una cassetta per i bisogni e una casetta come rifugio. Il fondo può essere rivestito con materiale che assorba le urine, ad esempio carta, e ricoperto col fieno. Quando è sotto il controllo del proprietario il coniglio può stare libero in casa, facendo attenzione che non si faccia male e che non rosicchi fili elettrici o piante d’appartamento che possono risultare tossiche. Inoltre, va maneggiato con cautela, perché può rischiare di fratturarsi cadendo dalle braccia del proprietario o contraendo in modo troppo violento il posteriore.

L’alimentazione del coniglio è fondamentale per garantirne la sua salute ed evitare problemi dentali e gastrointestinali. Il coniglio è un erbivoro e la sua dieta deve essere molto ricca di fibre e povera di carboidrati e grassi. La base della sua alimentazione deve essere costituita da fieno o erba fresca, non trattata chimicamente. L’ideale sarebbe avere un giardino dove il coniglio può brucare l’erba. I conigli possono inoltre mangiare verdura fresca e pulita come ad esempio carote,lattugabroccolicetriolisedanofinocchio, ecc. in quantità illimitata e anche frutta, ma in modeste quantità. Sono invece sconsigliati i mangimi commerciali che contengono semi, ad esempio di girasole, e cereali, che sono troppo ricchi di grassi e carboidrati. Possono invece essere dati al coniglio i “pellettati”, ossia i bastoncini di erba pressati, che contengano almeno il 18% di fibre ma sempre in piccole quantità.

Anche il coniglio, così come il cane e il gatto, deve essere vaccinato. Le due malattie per cui si effettua la vaccinazione sono la mixomatosi e la malattia emorragica virale. Il vaccino per la mixomatosi viene effettuato già dal 30° giorno di età e ripetuto ogni 6 mesi, mentre quello per la malattie emorragica dal 60° giorno e ripetuto una volta l’anno.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA