Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il ‘Movimento 9 dicembre’ torna a sfilare tra le strade di Battipaglia, è la volta dei commercianti

Scritto da Redazione il 12 dicembre 2013 in Evidenza,Piana del Sele. Stampa articolo

protesta commercianti battipagliaBattipaglia. “Possiamo farcela, ma dobbiamo essere uniti, senza guerra. Abbracciati”. Non si è mai fermata la protesta del coordinamento 9 dicembre di Battipaglia: oggi è la volta dei commercianti e del popolo, che sfilano per le strade cittadine.

Da piazza Aldo Moro a via Mazzini e via Del Centenario per tornare a Piazza Aldo Moro che sarà il punto di partenza, questa sera alle 20.30, di un corteo-fiaccolata senza scontri .

“Questa manifestazione è indetta dal movimento 9 dicembre del popolo sovrano e in questo momento sono i commercianti ad essere rappresentati” – ci spiega uno dei promotori – “I commercianti sono una delle categorie più colpita dalla crisi, loro come il popolo: siamo un’unica organizzazione”.

Davanti al corteo sfila un bimbo che porta un cartello con un messaggio forte, “Grazie a voi non avrò un futuro”, e per le strade della città i ragazzi che hanno sfilato in corteo nei giorni scorsi hanno affisso volantini di scuse ai commercianti per i disagi causati nei giorni scorsi. “Ho avuto un’attività commerciale per tanto tempo e sono qui perché condivido la battaglia per un futuro migliore, perché i giovani possano avere più prospettive” – dice Eugenio Roscigno, uno dei rappresentanti dei commercianti – “I commercianti hanno aderito liberamente a questo corteo perché ne hanno capito la dinamica civile ed educata. Hanno preso atto dell’ importanza che ha per la nostra cittadina”.

Mentre il corteo sfila, sentiamo un’altra testimonianza. A parlare non è una commerciante, ma una libera cittadina pensionata scesa in strada: “Mi sono aggregata al corteo perché i principi di libertà, uguaglianza e dignità hanno guidato la mia vita e quella della mia famiglia” – dice – “Troppe tasse, obblighi di pagare le tasse sul presunto guadagno… stanno facendo finire l’Italia. E’ da tanto che non voto perché ho creduto nelle loro promesse, ma ora è tempo che i governanti si prendano le proprie responsabilità”. Il corteo si è poi fermato a piazza Aldo Moro dove i ragazzi presenti alle manifestazioni dei giorni scorsi hanno ringraziato i commercianti dell’ appoggio e hanno invitato tutti a tornare in piazza Aldo Moro, alle 20.30,  per la fiaccolata.

Articolo e foto di Arianna Grilli

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA