Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

A Sanza si discute della Tares, la tassa beffa del Governo

Scritto da Redazione il 16 dicembre 2013 in Evidenza,Vallo di Diano. Stampa articolo

taresSanza. Si è svolto nel Centro Polifunzionale di  piazza XXIV Maggio a Sanza un’interessante incontro-dibattito organizzato  dalla LAICA ( associazione che tutela commercianti e artigiani del posto ) che, ha visto la presenza  del sindaco di Sanza Francesco De Mieri, del vice sindaco Antonio Forte e della responsabile dell’ufficio imposte e tributi del comune Giuseppina Giordano. A coordinare l ‘evento, il presidente della  LAICA Francesco Paolo.

Sul tavolo di discussione, le   problematiche legate alla tares, la tassa sui rifiuti e sui servizi a essi legati che, sta mettendo in ginocchio l ‘economia già fortemente provata di famiglie e imprese. Una chiacchierata, per chiarire alcuni punti sulla tassa beffa che, sta  penalizzando gli Enti Comunali  già in difficoltà e che, sta alimentando polemiche e malumori tra cittadini e operatori commerciali, che chiuderanno il 2013 nell’incertezza e nella confusione dettata da una politica romana che sempre più si appoggia  sulle spalle affossate di una popolazione vittima a prescindere. Una situazione paradossale, creatasi per sopperire al  deficit che da Roma fa eco in tutta Italia.

Con la Tarsu ( la tassa precedente ), il costo per la raccolta dei rifiuti gravava per l’80% sui cittadini, per il 20% sul Comune; con la Tares il costo si scarica interamente sui cittadini. Con la Tares, inoltre, lo Stato ha deciso di trattenere per sé 30 centesimi per ogni metro quadro sottoposto a tassazione.  La Tares si compone di un quota fissa (la metratura delle abitazioni e degli esercizi commerciali) e di una variabile,  legata per le utenze domestiche al numero dei componenti il nucleo familiare; per gli esercizi commerciali legata alla quantità di rifiuti potenzialmente riproducibili. Per calcolare queste quote variabili il Governo centrale ha fissato i nuovi coefficienti: per le utenze domestiche 6  categorie, a seconda dei componenti del nucleo familiare, da 1 a 6 e oltre); per le utenze non domestiche 21 categorie per i Comuni con meno di 5000 mila abitanti. Ed è sempre il Governo che ha stabilito i rincari dei nuovi coefficienti rispetto ai vecchi, che ha fissato la forbice tra   tariffa minima e tariffa massima, entro le quali ogni Comune avrebbe potuto muoversi. Il Governo ha detto di ispirarsi   al criterio secondo il quale si paga in proporzione ai rifiuti prodotti. Intenzione buona, ma che nei fatti si è concretizzata in rincari generalizzati, con picchi alti e massimi per alcune tipologie commerciali, fino ad incrementi del  100% e oltre. Tre categorie, tra le altre, le più penalizzate: bar, ristoranti, negozi di fiori e ortofrutta.

“Il comune, -ha   spiegato il Sindaco- si è trovato, quindi, a potersi muovere soltanto nell’ambito della forbice fissata ulteriormente dal Governo. Un provvedimento che va a gravare sulle famiglie e sulle attività produttive in un  momento di gravissima crisi economica, di tagli continui alle risorse degli Enti locali. Tuttavia, l’ Amministrazione ha fatto tutto quanto era nelle sue possibilità applicando al minimo i coefficienti fissati dallo Stato. Si è cercato  anche  di dare qualche sollievo ai nuclei familiari, con contributi (38 mila euro) spalmati su tutte le famiglie con un nucleo di persone dai due componenti in su che, hanno in alcuni casi abbassato la tassa stessa anche di 60 euro “.

Una serata che tutto sommato ha messo in evidenza la disponibilità dell’Amministrazione a dialogare , per ricercare soluzioni ai disagi provocati dal Governo che, in maniera sempre più evidente, sta  penalizzando la crescita  specialmente delle piccole comunità.

Antonio Citera

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA