Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Baronissi. Catturati tre bovini, pascolavano a ridosso del raccordo autostradale

Scritto da Redazione il 4 febbraio 2014 in Valle Irno. Stampa articolo

foto boviniBaronissi. Questa mattina a Baronissi, alla frazione di Antessano, sono stati catturati tre bovini, di circa 2 quintali ciascuno, che vagavano liberi in una zona a ridosso del raccordo autostradale Salerno-Avellino.

La cattura degli animali è avvenuta ad opera della Polizia municipale, coordinata dal comandante Francesco Tolino,  in collaborazione con Forestale, Anas ed Asl, e ha seguito il Protocollo operativo approvato lo scorso anno in Prefettura.

I capi di bestiame, tutti privi di chip identificativo, verranno abbattuti in un macello autorizzato.

A proposito della vicenda si è espresso il sindaco Giovanni Moscatiello che ha dichiarato: “Quella dei bovini vaganti è una tematica che stiamo affrontando in maniera concreta, applicando alla lettera il Protocollo operativo e cercando di fare il massimo delle nostre possibilità per catturare i bovini non censiti che spesso arrivano a valle nei pressi dei centri abitati”.

A dettare le nuove regole in materia di bovini vaganti e pascolo “non allineato” sono due ordinanze firmate dal sindaco Giovanni Moscatiello, che scandiscono in maniera chiara l’indirizzo che le forze dell’ordine coinvolte devono adottare e le reali motivazioni alla base dei provvedimenti: ordine, pulizia, sicurezza e tutela dell’igiene pubblica. Una delle due ordinanze stabilisce, infatti,  la tempistica e le modalità d’intervento del protocollo operativo, siglato in Prefettura quando si riunì il Comitato per la Sicurezza Pubblica. Nel dettaglio essa stabilisce: ” In caso di avvistamento di capi di bestiame nelle immediate vicinanze del centro abitato la polizia municipale attiva il protocollo attraverso la richiesta d’intervento della Forestale, di un veterinario dell’Asl di riferimento, carabinieri ed eventualmente Questura.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA