Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Antonello De Rosa in scena con ‘Traccia di mamma’: “Chi aiuta un bambino aiuta il mondo”

Scritto da Redazione il 7 febbraio 2014 in Evidenza,Spettacoli. Stampa articolo

traccia-di-mammaCava de’ Tirreni. Vorrei una stella. Vorrei una giornata diversa. Vorrei un abbraccio. Vorrei non essere malato. Sono i desideri dei bambini malati di cancro, sostenuti dall’associazione O.A.S.I. – ONLUS di Nocera Inferiore. Prima delle festività di natale invece di scrivere la letterina a Babbo Natale per avere un macchinina o una casa delle bambole, i bambini dei reparti pediatrici hanno preferito ricevere un qualcosa che solo il cuore può donare. Un cuore che appartiene a tutti se si è capace di usarlo, un cuore che anche dopo Natale può donare tanto e può metterlo in gioco soprattutto per la serata del 21 febbraio presso il Social Tennis Club per lo spettacolo fuori rassegna del Premio Li Curti, organizzato da Geltrude Barba, “Traccia di mamma” di Antonello De Rosa, il quale ricavato sarà devoluto all’associazione.

traccia-di-mamma-2Lo spettacolo nasce 15 anni fa con il semplice nome di “Mamma”, testo del famoso commediografo napoletano Annibale Ruccello, e non vi era solo il regista/attore Antonello De Rosa sul palco, ma era spalleggiato da altre tre attrici, così da recitare quattro monologhi, uno ciascuno.

Antonello De Rosa ancora una volta alla rassegna teatrale Li Curti, questa volta con uno spettacolo diverso da tutti gli altri, quasi tragico.

“Tre donne e un uomo per quattro prototipi di mamma : la mamma che racconta le fiabe, la mamma che impazzisce perché chiuso in un manicomio, la mamma sempre attaccata al telefono e fa delle sua vita quotidiana le telenovela che vede in tv, e infine la mamma timorata di Dio che non accetta la gravidanza della figlia ancora non sposata e in giovane età.”

antonello-de-rosaNel corso degli anni lo spettacolo cambia, stravolge ciò che è il testo di Ruccello per farlo di Antonello De Rosa. Perché questa scelta?

“Sentivo che almeno di due personaggi dovevo fare qualcosa e non mi piaceva l’organigramma delle quattro storie: ho raggruppato in una sola mamma tutti i pensieri e tutti i modi di vivere. Come perno principale ho messo la mamma Maria Di Carmela: chiusa nel manicomio, interloquisce con le monache che dovrebbero accudirla. Mi piaceva seguire questo filone per la sua storia.”

Un grande lenzuolo rosso come vita, un bambolotto come figlio, e un attore sul palco che fa da mamma. Un’atmosfera intensa che pian piano cresce, ritrovando le altre mamme che salgono sulla scena in un unico corpo,il quale parla con personaggi come Claudio Villa e Ghandhi, fino a parlare della figlia la quale rimane incinta prima del matrimonio e ne fa la causa della sua schizofrenia oltre a vedere nei suoi occhi la causa del Cristo morto.

antonello-de-rosa-2Dopo 15 anni De Rosa prova ancora emozioni nel raccontare e soprattutto nel vivere “Traccia di Mamma”, come mai questo desiderio di portare in scena la figura femminile?

“Adoro i personaggi di Ruccello e adoro soprattutto i personaggi femminili. La donna ha la capacità di procreare, proprio come l’attore che riesci a procreare sul palco. Una donna genera vita e io quando recito ho la possibilità di creare un nuovo personaggio. Questi personaggi mi intrigano molto perché sono prove d’attore.”

Il regista, in questo caso anche attore della sua creazione, donerà tutto il ricavato all’associazione O.A.S.I., che persegue esclusivamente finalità sociali, sia nel campo dell’assistenza socio-sanitaria sia nel campo del miglioramento della qualità della vita. Aiuta i bambini ricoverati nei reparti pediatrici a trascorrere momenti di spensieratezza, con l’obiettivo di far dimenticare loro, anche solo per attimo, ciò che sono obbligati a vivere senza nemmeno averlo chiesto. Piccoli e deboli corpi privati da ciò che un semplice bambini dovrebbe fare alla loro età, costretti per esigenza sanitaria restare nei propri letti e cercare ogni giorno di lottare contro il nero della vita. L’associazione Oasi, con Antonello De Rosa che sposa la loro azione solidale, lotta semplicemente affinché questi bambini possano vivere e chiede di farlo anche a coloro che assisteranno allo spettacolo “Traccia di mamma” al Social Tennis Club a Cava de’ Tirreni, venerdì 21 febbraio alle ore 21.

Articolo di Clemente Donadio

Foto di Nicola Ferrentino

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

One Response to Antonello De Rosa in scena con ‘Traccia di mamma’: “Chi aiuta un bambino aiuta il mondo”

  1. enza

    7 febbraio 2014 at 18:54

    Stile coinciso ,efficace e dettagliato!ottimo articolo …complimenti all’autore Clemente Donadio!