Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Oggi si celebra il ‘Giorno del Ricordo’ per le vittime delle Foibe, un massacro da non dimenticare

Scritto da Redazione il 10 febbraio 2014 in Attualità. Stampa articolo

Foiba_di_Vines_-_recupero_cadaveriOggi 10 febbraio, è il Giorno del Ricordo per le vittime delle Foibe e dell’esodo giuliano dalmata. Migliaia di morti, centinaia di migliaia di esuli costretti ad abbandonare non solo le proprie terre, ma anche a recidere le proprie radici, quelle della Venezia Giulia e della Dalmazia. Costretti ad abbandonare un territorio non più italiano, ma jugoslavo a seguito del trattato di pace del 1947. Il silenzio su questa triste vicenda  durato oltre 50 anni, si è interrotto solo negli anni Novanta e poi con una legge, nel 2004, che istituisce il Giorno del Ricordo, il 10 febbraio.

“10 febbraio. Noi ricordiamo. Ricordiamo le donne e gli uomini che, su ordine del dittatore comunista Tito, furono trucidati, colpevoli solo di essere italiani. A loro e agli esuli della Dalmazia, dell’Istria e della Venezia Giulia il nostro pensiero, perché ogni italiano possa raccontare la tragedia delle Foibe, ne sia testimone e non dimentichi. Per troppi anni, l’Italia ha voluto seppellire quel massacro, cancellandone l’esistenza e la memoria. Noi, invece, vogliamo ricordare, rendere onore e capire. Perché le Foibe non continuino ad essere scomode”. E’ quanto dichiara Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli d’Italia e componente dell’Ufficio di Presidenza di Montecitorio.

Anche il presidente della Provincia di Salerno, Antonio Iannone, in occasione del Giorno del Ricordo dichiara: “Il 10 Febbraio è la giornata della memoria delle vittime delle foibe e dell’esodo Giuliano-Dalmata. Una pagina nera della storia nazionale: i comunisti di Tito hanno sterminato migliaia di Italiani gettandoli vivi nelle cavità carsiche. Oltre 350mila persone, inoltre, furono deportate dalla propria terra e sparpagliate su tutto il territorio nazionale nel colpevole silenzio della Democrazia Cristiana e nel disprezzo del Partito Comunista Italiano che li bollava come fascisti. Oggi diciamo tutti insieme: Io ricordo”.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA