Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Salerno. Il ‘Baciamano’ di Manlio Santanelli arriva al teatro ‘Ghirelli’

Scritto da Redazione il 24 febbraio 2014 in Teatro. Stampa articolo

ImmagineSalerno. “Il Baciamano” di Manlio Santanelli è il titolo dello spettacolo che andrà in scena al teatro Antonio Ghirelli dal 27 febbraio al 2 marzo prossimo. La regia è affidata a Laura Angiulli, con Alessandra D’Elia e Stefano Jotti.

È la Napoli del 1799: per le vie della città la reazione borbonica spegne nel sangue e nella barbarie la disperata resistenza della Repubblica Partenopea. “Finisce così – spiega Santanelli – quel sogno politico e culturale che aveva infiammato il cuore e la mente della migliore gioventù liberale del tempo. Contro un siffatto fondale di ferro e fuoco una popolana, incattivita da un’esistenza fatta di violenze e di miserie, viene fortunosamente a contatto con un gentiluomo Giacobino, tipico esponente del partito in disgrazia. Tra i due s’instaura un complesso rapporto d’incomprensioni e di stizze, ma anche di sorprese e ambiguità. Un’altalena di sentimenti contraddittori fa da sottotesto alle grottesche modalità attraverso le quali due esseri, tanto diversi tra loro, cercano di esplorarsi a vicenda. Spinti, l’uno dal desiderio di gettare comunque un seme da cui possa nascere un mondo migliore, l’altra da un irrisolto bisogno di tenerezza, i due protagonisti riescono alla fine a raggiungere una poetica intesa, nell’illusione di rendere meno spietata l’inevitabile conclusione della vicenda”.

“Apparentemente un’operina minore – dichiara Angiulli – di fatto una macchina teatrale che offre spunti di significativo interesse al lavoro degli attori. La scommessa è nel ritmo serrato dello sviluppo narrativo, nella presenza a tutto tondo dei personaggi chiamati a una prova d’impegnativa adesione. La trama, pure suggerita da eventi e vicende suffragate da ‘vero storico’, scavalca i limiti dell’etica comune per consegnare l’evento a un ambito d’incredulo stupore, dove l’efferatezza del gesto sfugge alla consuetudine dei percorsi quotidiani e ritaglia ambiti rubati a certo immaginario delle letterature “noir”, lividi paesaggi dove la soglia fra umano e bestiale è tanto labile – conclude – da consentire sconfinamenti”.

Lo spettacolo si inserisce nel cartellone di eventi della stagione teatrale 2013- 2014, gestita da “Fondazione Salerno Contemporanea“.

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA