Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Concorso per aspiranti presidi truccato, tra gli indagati anche un docente dell’Unisa

Scritto da Redazione il 26 febbraio 2014 in Attualità,Evidenza. Stampa articolo

concorso dirigenti scolasticiNapoli. Ventitre avvisi di garanzia sono stata notificati dalla Guardia di Finanza di Torre Annunziata nell’ambito di un’inchiesta della procura di Napoli su presunte irregolarità nello svolgimento del concorso a dirigente scolastico. Tra gli indagati finisce anche un ex dirigente dell’ufficio scolastico regionale, un sindacalista, un ex dirigente del Miur, oltre ad alcuni candidati e componenti della commissione giudicatrice.

I reati ipotizzati sono abuso di ufficio, falsità ideologica e truffa aggravata.

Tra gli indagati figurano Maurizio Piscitelli, ex dirigente del Miur; Salvatore Margiotta, segretario provinciale di Napoli del sindacato Snals; Pietro Esposito, ex direttore generale dell’Ufficio regionale scolastico della Campania; Mario Capunzo, docente all’Università di Salerno e presidente della commissione di base nonché di tre sottocommissioni

Una commissione formata ad hoc per agevolare alcuni candidati, con voti assegnati in base a segnalazioni e non a criteri oggettivi ed elaborati niente affatto segreti, per il concorso a dirigente scolastico conclusosi con la prova orale lo scorso  18 febbraio e  che in Campania avrebbe dovuto selezionare 224 nuovi capi d’istituto per le scuole primarie e secondarie. E probabilmente non è tutto, per ora le indagini sono al vaglio degli inquirenti, in una vicenda che ha dello scandaloso, dove a spuntare pare ci sia anche un forte interessamento di parlamentari e soggetti politici, interessati a piazzare conoscenti nelle commissioni di esame.

Per ora l’unica cosa chiara è l’obiettivo di una vicenda che è tutta da verificare.

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA