Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Per la prima volta insieme Paco Sery e Fabrizio Bosso al pub Il Moro

Scritto da Redazione il 26 febbraio 2014 in Concerti. Stampa articolo

paco seryPaco Sery, il batterista della Costa d’Avorio e Fabrizio Bosso, uno dei tra i migliori trombettisti italiani affermatosi nell’attuale scena jazz a livello nazionale e internazionale, venerdì 28 febbraio alle ore 22.00,  per la prima volta insieme sul palcoscenico del Pub Il Moro di Cava de’ Tirreni.

I due musicisti, in esclusiva per il Moro, per la prima volta al lavoro insieme, per la rassegna MoroInJazz che si avvale della direzione artistica di Gaetano Lambiase, proporranno un’inedita fusione tra le loro esperienze compositive, unendosi ai salernitani Alfonso Deidda al sax e Dario Deidda al basso ed a Julian Oliver Mazzariello al pianoforte.

Con il batterista africano Paco Sery della Zawinul Syndacate,  genio e talento assoluto della ritmica e non solo, si uniranno nel locale del Borgo Scacciaventi in un ensamble d’eccezione proponendo un inedito concerto jazz dai ritmi latini.

fabrizio bossoUn repertorio di musica fatto di sonorità e ritmi afro-americani che scaldano il cuore grazie all’ apporto di un eccellente batterista come Paco Sery, una vera forza della natura dalla tecnica sopraffina,  la dinamica del suono di una delle migliori trombe del jazz italiano e internazionale quella di Fabrizio Bosso, e di un talentuoso pianista italo-inglese di altissimo livello interpretativo come Julian Oliver Mazzariello.

Paco Sery, batterista della Costa d’Avorio naturalizzato francese scoperto alla corte di Joe Zawinul è considerato il campione della musica fusion; ha collaborato con Wayne Shorter, Dee Dee Bridgewater, Charlelie Couture, Manu Dibango, Jacques Higelin, Claude Nougaro, Dianne Reeves Mike Stern, Orchestre National de Barbès, Pino Daniele ma Joe Zawinul (ex Weather Report) è la sua collaborazione più duratura e decisiva.

Fabrizio Bosso, è il migliore trombettista jazz italiano. Suona da sempre, si è diplomato al conservatorio a soli 15 anni e ha fatto del jazz la sua chiave espressiva. Ha appena festeggiato 40 anni con un grande concerto in suo onore, è uscito ora un nuovo disco per l’etichetta Verve e sta girando l’Italia in tour. Ma soprattutto, ha attraversato (quasi) tutti i generi musicali, dalla classica al pop. Purché li senta propri, adatti a trasmettere passione.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA