Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Fisciano. Il Gruppo Caritas “Madre Teresa di Calcutta” festeggia 14 anni dalla sua fondazione

Scritto da Redazione il 7 marzo 2014 in Valle Irno. Stampa articolo

gruppo_caritas_gaianoFisciano. Un anniversario speciale in coincidenza con la ricorrenza di un giorno altrettanto speciale: la festa della donna. A festeggiare è il gruppo Caritas Madre Teresa di Calcutta di Gaiano, fondato 14 anni fa, non a caso, l’8 marzo dell’anno 2000 per omaggiare la donna non solo nel ruolo di   madre, maglie, amica e lavoratrice, ma anche come persona impegnata in un progetto che ormai si sta portando avanti da oltre un decennio.

Il gruppo, infatti, è impegnato nel sostegno a distanza per la creazione di pozzi e altre strutture in alcuni villaggi del Burkina Faso, lo Stato Africano col quale la Parrocchia “San Martino V. ” è gemellata. I fondi per realizzare i vari progetti vengono raccolti con la vendita dei lavori artigianali (cucito, ricamo, uncinetto, chiacchierino ecc) fatti dalle donne del gruppo e da altre signore del paese e con spettacoli proposti in diversi periodi dell’anno.

gruppo_caritas_gaiano1Recentemente, tra l’altro, tre residenti di Gaiano sono da poco rientrati da un emozionante viaggio di solidarietà e speranza condotto in Burkina Faso. Vanessa Gioia, che fa parte del gruppo Caritas “Madre Teresa di Calcutta”, non è nuova a simili esperienze. E quest’anno ad accompagnarla ci sono stati altri due suoi concittadini: Giovanni Gioia, un giovane studente di archeologia presso l’università di Salerno, ed Adele Napoli, una neo pensionata, esperta d’igiene dentale. La loro missione umanitaria, durata tre settimane, ha prodotto i seguenti risultati: oltre al rinnovo delle adozioni a distanza, è stata inaugurata una  sala polivalente, intitolata al parroco di Gaiano don Alfonso Rinaldi, che è uno dei promotori “For Burkina Faso” e sono stati realizzati 2  pozzi per consentire l’utilizzo di acqua potabile in alcuni villaggi privi di qualsiasi servizio igienico-sanitario.

Tale esperienza intensa ha indotto Vanessa Gioia ad esprimere alcune considerazioni: “Abbiamo visitato vari villaggi varie realtà scolastiche, tra cui la scuola dei bambini ciechi di Tenkodogo, l’orfanotrofio, la scuola di cucito ed il centro dei disabili di Garango, la scuola cattolica di kankaraboghé, la scuola materna e la scuola di cucito di sr Michela a Tampuy nei pressi di Ouagadougou, l’Oasi di Santa Teresa a Koupela, dove abbiamo organizzato un corso di igiene dentale la mattina  per i  ragazzi del centro “Giovanni  Paolo II”, e un corso per fare le pizze nel pomeriggio,  che poi i ragazzi hanno venduto al pellegrinaggio per recuperare un po’ di spiccioli. Sono stati due momenti intensi ed impegnativi,  dove i ragazzi sono stati impegnati in una giornata full immersion, facendo rimanere sempre alta la loro attenzione, perché desiderosi di apprendere”.

Secondo Gioia, in queste realtà così difficili, il trionfo della vita è rappresentato dalla Chiesa Cattolica, che mentre nel mondo occidentale sembra attraversare un periodo di crisi (in parte risollevato grazie alla carismatica figura del nuovo Pontefice Papa Francesco), in Africa rappresenta la salvezza per tanta gente, perchè accoglie tutti, senza distinzione di religione, di sesso e di razza.

“Visitare il Burkina Faso e rimanere nella capitale, non vuol dire aver visto l’Africa – conclude Gioia – perchè l’Africa non è la capitale, come dicono gli stessi africani, ma è la bruss, i villaggi dove la gente non vive ma sopravvive, dove la gente ti accoglie con i loro riti, le loro danze e le loro musiche, dove basta un sorriso per entrare nei loro cuori, una semplice foto per renderli felice, una caramella per rallegrargli la giornata. Sono gesti che possono sembrare banali, ma è il loro modo di esprimere la riconoscenza della tua visita nel villaggio”.

La fondazione, in ultimo, invita tutti coloro che ne sentono il bisogno di donare il 5 per mille al Gruppo Caritas “Madre Teresa di Calcutta” per sostenere il loro progetto solidale in Africa. Il codice fiscale per donare il 5 per mille è: 95107390650. Per le donazioni spontanee è possibile effettuare versamenti al seguente codice IBAN: IT04F080837621000106053.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA