Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Sotto l’abito da sposa? Comoda e sexy lingerie!

Scritto da Redazione il 13 marzo 2014 in TuttoSposi. Stampa articolo

intimo_sposaSe, nel giorno del matrimonio, l’abito da sposa risulterà splendido con tutti i riflettori puntati addosso, una buona parte del merito va anche all’intimo nascosto al di sotto.

La lingerie è strettamente importante per la scelta dell’outfit nuziale ideale: in questo caso, ci si soffermerà sulla biancheria che accompagnerà il vestito per la cerimonia ed il ricevimento conseguente.

Per il proprio matrimonio, la sposa dobrebbe cercare di optare per un intimo confortevole, che (sia seta, microfibra o cotone) permetta al gentil sesso di sentirsi a suo agio per tutta la giornata.

In effetti sarebbe meglio dirigersi verso una marca ben conosciuta, o, comunque testata prima, per non ritrovarsi, magari, con una spallina cadente o con troppo in bella vista nel giorno fatidico.

Un metro di scelta deriva sicuramente dal modello di abito selezionato (anche per quanto riguarda i colori da abbinare): se si tratta di un corpetto bustier oppure monospalla, è d’obbligo un reggiseno a fascia, anche push up se vi è l’abitudine di portarlo.

Con vestiti dal taglio scivolato e fluido, tipo sottoveste, le classiche coppe triangolo sono la soluzione ideale che non provocherà sorprese poco gradite (e la mancanza di cuciture di molti completini si rivela una grande benedizione). Se l’abito, poi, mette in bella mostra la schiena, allora si deve optare per un reggiseno che si allacci in vita.

Per quanto riguarda slip ed affini, meglio senza cuciture e non troppo “tanga”, quindi sì alla microfibra; e per colei che vuole far risaltare le proprie forme al meglio (come un vitino da vespa) allora largo alla biancheria shaping.

La giarrettiera deve essere indossata per tradizione (magari con qualcosa di blu) e va benissimo anche in caso di calze autoreggenti (attenzione a scegliere la taglia giusta, per non trovarsele arrotolate alle caviglie durante la cerimonia) o la totale mancanza di esse; per una questione di buon gusto, soprattutto in un rito religioso, la calza è dovuta, bianca o col carne, magari con corpino a vita bassa o, perché no, modellante.

La scelta finale, comunque, deve essere subordinata sì al comfort (almeno da non essere stressate anche dall’intimo), ma anche alla propria personalità: se è amante di pizzi, merletti e sensuali lingerie, allora la futura sposa può ben valutare l’idea di indossarli senza problemi per il giorno del matrimonio.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA