Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

‘Io non rischio’, tre volontari di Capaccio Paestum alla prima fase della campagna a Roma

Scritto da Redazione il 17 marzo 2014 in Piana del Sele. Stampa articolo

protezione-civile-Capaccio-Paestum. La protezione civile di Capaccio Paestum anche quest’anno ha partecipato  attivamente alla campagna di cui venerdì 14, sabato 15 e domenica 16 marzo, a Roma, si è svolta la prima fase. Tre volontari di Capaccio Paestum (Francesco Falsone, Aurelio Desiderio e Giovanni Matonte) hanno preso parte, ai corsi di formazione dei nuovi “volontari formatori” ai quali, successivamente, spetterà il compito di formare altri volontari delle proprie organizzazioni che saranno impegnati nell’attività di divulgazione di informazioni sulla prevenzione del rischio sismico nelle piazze cittadine.

Quest’anno l’edizione 2014 di “Io non rischio” dedicata a terremoto e maremoto, si svolgerà il 14 e 15 giugno 2014 nelle piazze di oltre 200 comuni italiani a rischio sismico in tutta Italia e in 23 di queste piazze (in Campania, Calabria, Sicilia e Puglia) si parlerà anche del rischio maremoto dopo la positiva esperienza maturata in occasione dell’esercitazione europea Twist.

Prevenire il rischio sismico è l’obiettivo della campagna “Io non rischio” organizzata dal Dipartimento della protezione civile su tutto il territorio nazionale. Un tema molto sentito in questo periodo nella zona di Capaccio Paestum, dove negli ultimi due mesi si sono verificati diversi eventi sismici di lieve entità avvertiti dalla popolazione.

“Abbiamo avuto rassicurazioni dagli esperti dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia che gli eventi sismici registrati nel nostro territorio al momento non rappresentano un pericolo. – afferma il sindaco Italo Voza – Tuttavia è bene che la popolazione venga informata sul comportamento da adottare in caso di eventi quali maremoti e terremoti onde evitare che siano la paura e il disordine che ne deriverebbe a provocare danni e ferimenti che possono essere evitati”.

In conclusione, un pensiero va anche a coloro che offrono il proprio tempo a servizio dei cittadini: “Ringrazio i volontari della protezione civile che sottraggono tempo alle loro famiglie per metterlo a disposizione dell’intera comunità di Capaccio Paestum”.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA