Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Consorzio di Bacino, i sindacati chiedono l’azione del Governo: “Nuove assunzioni e stipendi regolari”

Scritto da Redazione il 17 marzo 2014 in Salerno. Stampa articolo

CGILSalerno. E’ datato per giovedì 20 marzo, alle ore 9.30, l’incontro dei sindacati presso la sede Funzione Pubblica CGIL di Corso Garibaldi. Il punto del giorno è lo sciopero nazionale dei dipendenti dei Consorzi di Bacino.

La Regione ha proposto al Governo un progetto di reimpiego che punta a sostenere il reddito dei lavoratori attraverso il loro inserimento in attività lavorative che attengo al ciclo dei rifiuti e di riqualificazione professionale.

Della risposta del Governo a distanza di mesi non c’è ancora traccia. Secondo quanto affermano i sindacati, il Governo si deve assumere le proprie responsabilità e onorare gli impegni e rendere disponibili le risorse per finanziare il piano e pagare decine di stipendi arretrati e sottrarre i lavoratori alle conseguenze di un disperante impoverimento.

Con la pubblicazione sul Burc della legge regionale di riordino del ciclo dei rifiuti, le lotte e le mobilitazioni dei lavoratori hanno ottenuto un primo riscontro e finalmente si può avviare la riorganizzazione del sistema campano per uscire dall’emergenza e imboccare la strada della piena occupazione dei lavoratori dei Consorzi di Bacino. Infatti, come il sindacato sostiene da anni, la soluzione della vertenza Consorzi è la definitiva stabilizzazione dei lavoratori nelle attività di igiene ambientale esercitate dai Comuni.

Per conseguire questi risultati le segreterie generali dei sindacati hanno provveduto a proclamare lo sciopero nazionale dei lavoratori dei Consorzi del Bacino per il 21 marzo a Roma, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA