Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Fosse Ardeatine, 70 anni fa l’eccidio nazista, Napolitano: “La pace è una conquista dell’Europa”

Scritto da Redazione il 24 marzo 2014 in Attualità,Evidenza. Stampa articolo

130721745-b7ba081b-e400-4e53-b27a-6a1a2041b445“Bisogna sempre saper ricordare che la pace non è un regalo o addirittura un dato scontato e per quel che riguarda il nostro e gli altri paesi europei è una conquista dovuta a quella unità europea, a quel progetto europeo che oggi da varie parti si cerca di screditare”. Lo ha detto il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, a margine della celebrazione per i 70 anni dell’eccidio delle Fosse Ardeatine a Roma.

Ricordando le vittime, inoltre, Napolitano ha spiegato che “questa giornata assume il significato di un ricordo terribile e incancellabile. Settant’anni sono un importante anniversario. La scorsa settimana a Cassino sono state ricordate altre giornate terribili”.

“Dobbiamo ricordare quello che abbiamo vissuto in Italia ed in Europa – ha aggiunto Napolitano –  e che non si può giocare con queste posizioni che tendono  a screditare il nostro patrimonio di lotta per la libertà”. A ricordare i 335 martiri della furia nazista c’erano anche il presidente del Senato Pietro Grasso, il ministro della Difesa Roberta Pinotti, il sindaco di Roma Ignazio Marino, il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, il suo vice Massimiliano Smeriglio, il presidente del Consiglio regionale Daniele Leodori. Alla cerimonia, aperta con la deposizione di una corona d’alloro al sacrario da parte di Napolitano, ha partecipato anche Rosetta Stame, presidente dell’Anfim.

E Marino ha sottolineato di aver fatto bene a impedire i funerali di Priebke: “Ricordare è importantissimo e per me anche molto emozionante. Ogni voltache entro qui – ha detto – non riesco davvero a capire a quanto possa arrivare la violenza dell’uomo sull’uomo, un eccidio davvero incredibile. Oggi entrando qui, ascoltando quell’elenco interminabile di 335 nomi a cui ne mancano 9 ancora non identificati ho pensato ancora una volta che ho fatto bene a proibire le esequie pubbliche nell’autunno del 2013, a chi partecipò a questo tremendo indescrivibile massacro”.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA