Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Mercato S. Severino. Il Comune dedica uno spazio alle “Vittime Innocenti delle mafie”

Scritto da Redazione il 25 marzo 2014 in Evidenza,Valle Irno. Stampa articolo

Mercato San SeverinoMercato San Severino. Il comune ha deciso di destinare uno spazio alle “Vittime Innocenti delle mafie“. Si tratta dell’area antistante la Villa Comunale e l’intitolazione  avverrà con una cerimonia programmata alle ore 10:00, dopo l’approvazione del provvedimento adottato dalla Giunta comunale il 3 marzo 2014.

“L’intitolazione si collega alla istituzione, nella nostra Città – ha commentato il primo cittadino, Giovanni Romano, – nel corso di una cerimonia ufficiale, del 7 marzo scorso, del presidio di “Libera, Associazione, nomi e numeri contro le mafie”  intitolato a “Simonetta Lamberti“, tenuto a battesimo da personalità altamente rappresentative  della lotta alle mafie: il Pubblico Ministero del processo dell’assassinio di Simonetta Lamberti, giudice Vincenzo Montemurro, il procuratore nazionale antimafia, il giudice Franco Roberti, il fondatore e presidente di “Libera“, don Luigi Ciotti ed i familiari della giovane vittima Simonetta Lamberti“.

L’iniziativa è stata realizzata da Alfonso Ferraioli, Fondatore dell’associazione “La magnifica gente d’o Sud”, che da anni si occupa di teatro amatoriale e si impegna nel sociale con iniziative di fortissima valenza educativa ed improntate alla diffusione dei temi della legalita’.

“Abbiamo voluto affiancare all’importante presenza di “Libera” – ha proseguito Romano – l’intitolazione di un largo cittadino alle vittime delle mafie proprio per proseguire nel nostro impegno, mantenendo viva l’attenzione dei giovani sulla assoluta necessità di vivere secondo valori condivisi e fondanti di legalità”.

La cerimonia di inaugurazione del largo “Vittime Innocenti delle mafie” è stata organizzata di concerto con il presidio di Libera “Simonetta Lamberti“, in memoria e nel ricordo di don Peppe Diana.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA