Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Trascendence, Johnny Depp alla ricerca dell’intelligenza artificiale

Scritto da Redazione il 27 marzo 2014 in Cinema. Stampa articolo

Transcendence-data-cloud-of-Johnny-Depp-movie-posterDisponibile un primo trailer italiano di “Trascendence”, il thriller fantascientifico con Johnny Depp, esordio alla regia del direttore della fotografia Wally Pfister, premio Oscar per Inception.

Da Videodrome a Il tagliaerbe sono molteplici i film che hanno trattato un’ipotetica fusione tra uomo e macchina e di intelligenza artificiale fuori controllo, in questo caso il personaggio di Depp sembra tramutarsi in una sorta di potentissima entità virtuale i cui poteri in un crescendo terrificante prendono una deriva tale da mettere a rischio la stessa sopravvivenza della razza umana. Come porsi di fronte alla nascita di una nuova forma d’intelligenza? Qual’è il confine tra un nuovo stadio dell’evoluzione e un terribile abominio?

Il dottor Will Caster (Johnny Depp) è il più importante ricercatore nel campo dell’intelligenza artificiale e lavora alla creazione di una macchina senziente che combini l’intelligenza collettiva di tutto ciò che è conosciuto con l’intera gamma delle emozioni umane. I suoi controversi esperimenti lo hanno reso famoso, ma lo hanno fatto diventare anche il bersaglio principale di un gruppo di terroristi contrari alla tecnologia, pronti a tutto pur di fermarlo. Ma nel loro tentativo di annientare Will, gli estremisti stessi diventano involontariamente coloro che lo spingeranno al successo—diventare parte della sua stessa trascendenza. Per sua moglie Evelyn (Rebecca Hall) e il suo migliore amico Max Waters (Paul Bettany), entrambi ricercatori, il problema non è se possono andare avanti… ma se sia giusto farlo.

Le loro peggiori paure diventano realtà quando la sete di conoscenza di Will sembra trasformarsi in un’ossessiva ricerca di potere, di cui non si conosce la fine. L’unica cosa che è terribilmente chiara è che forse non c’è modo di fermarlo.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA