Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Out of Bounds, Donatella Dorti porta in scena lo spettacolo “Ballatoio”

Scritto da Redazione il 3 aprile 2014 in Teatro. Stampa articolo

BallatoioFringeFiliazioneSalerno. Il Teatro Genovesi ospita un’altra serata targata “Out of Bounds – Drammaturgie fuori confine”, alla sua seconda edizione, venerdì 6 aprile alle ore 19. Questa volta è la compagnia Il Collettivo “Verandha” a salire sul palcoscenico con “Ballatoio”.

Ballatoio  è il progetto di esordio del collettivo Verandha, un vero e proprio percorso di ricerca che ha avuto inizio nel 2011 ed ha condotto i componenti del gruppo ad investigare i supporti espressivi del video, della performance e del palcoscenico.

“È stato un viaggio alla ricerca di un processo produttivo –  spiega la regista Donatella Dorti – che non si ponesse limiti legati allo spazio scenico classico, quello inteso all’italiana. Ci siamo lasciati influenzare molto dai luoghi che ci hanno ospitato. Abbiamo prima fatto una video performance in giro per Roma e poi, poiché siamo stati ospitati alla Balena, a Napoli abbiamo iniziato a creare una performance itinerante che coinvolgesse il pubblico e lo portasse in giro con noi alla scoperta della storia che raccontavamo e dello spazio che stavamo abitando. Solo alla fine abbiamo deciso di confrontarci con il palco, quello classico”.

La scenografia, scarna, è costituita da due strutture in metallo che simbolizzano le finestra delle abitazioni dei personaggi. Lo spazio scenico è diviso dai colori del bianco, del nero e del rosso. I costumi, nella loro essenzialità, regalano sfumature fiabesche ai quattro personaggi: la madre ossessiva, una figlia dipendente, ed una coppia di innamorati al collasso. Le tematiche affrontate, se pur attraverso un linguaggio espressivo fortemente simbolico, che lascia al pubblico la possibilità di completate l’immaginario suggerito in scena, tratta la tematica della “crisi”.

La crisi come esperienza traumatica e creativa, la crisi come motore del cambiamento.

Foto di Lorella Mazzella

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA