Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Sala Consilina. Sì al trasferimento dell’Asl, la denuncia di Buono (CISL): “Cittadini penalizzati”

Scritto da Redazione il 3 aprile 2014 in Vallo di Diano. Stampa articolo

matteo-buonoSala Consilina. “La struttura dell’Asl di Sala Consilina si frammenta  penalizzando l’utenza, aggravando i costi a carico dei cittadini della stragrande maggioranza dell’area, che da una posizione baricentrica dovranno spostarsi per decine di chilometri in posizione decentrata da Sala Consilina a Sant’Arsenio”. Così Matteo Buono, segretario generale della Cisl Salerno, ha commentato l’avvio delle procedure per trasferire il distretto sanitario a Sant’Arsenio.

“La Cisl salernitana  – dice – si oppone a logiche di mero campanilismo, privilegiando la scelta della sanità sì razionale ma vicina alle esigenze di salute e di tasca dei cittadini e si appella alla coerenza e buon senso di  tutti i sindaci del territorio sempre più devastato e spogliato dalla  presenza di servizi ed istituzioni. Le strutture sanitarie sono edifici precari, il cui stato di abbandono è testimoniato e rilevabile da chiunque  dai permanenti transennamenti per il pericolo di crollo di cornicioni e strutture sporgenti, evento già di per se grave per una azienda che  controlla gli altri e non se stessa, con specifiche e sopite responsabilità  degli amministratori. Sono sottili ma evidenti le ragioni partitico-politiche a fondamento di tali scelte celate da ipotetici risparmi che non si concretizzano ad esempio per l’alimentazione ancora a gasolio dell’impianto obsoleto del plesso di Sant’Arsenio”.

Buono prosegue ricordando che “sono state rifiutate immotivatamente tutte le offerte formali dell’ottobre 2013 e del gennaio scorso, provenienti dall’amministrazione comunale di Sala Consilina che si è offerta più volte di accollarsi il costo della locazione e di offrire gratuitamente una pluralità di locali comunali, evidenziando palesemente  la discriminazione, di matrice politico partitica del management della Asl Salerno che in altre aree della provincia paga locazioni, addirittura per locali già dismessi danneggiando scientificamente la popolazione del Vallo di Diano già provata duramente  dalla crisi economica”.

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA