Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

VIVIAMOCILENTO, il festival itinerante di musica e sapori: tra gli ospiti Afterhours e Marlene Kuntz

Scritto da Redazione il 4 aprile 2014 in Evidenza,Musica. Stampa articolo

VIVIAMO CILENTO 2

Cilento. Dal 1 al 4 Maggio, il  Cilento sarà protagonista  della grande iniziativa ‘Viviamocilento’, un festival frizzante che coniuga arte, sapori e tradizioni e dove la musica sarà l’anello di congiunzione.

Il festival, con un ritmo dettato da passi, onde, note e assaggi, intende valorizzare la  parola sostenibilità non in virtù di una scelta commerciale, ma come frutto della storia stessa e l’indicazione di un cammino dove  il suo unico attore principale è il Cilento. VIVIAMOCILENTO offre una concezione differente del tempo. Un Festival per scoprire una terra e riscoprire se stessi è il motto.

VIVIAMO CILENTOBen 9 comuni ospiteranno il festival: Pollica, la città slow e sede della Dieta Mediterranee, Camerota, la perla del Cilento, Casal Velino, con la cappella di San Matteo, Castellabate, uno de “I borghi più belli d’Italia”, Centola, uno spettacolo di roccia sopra e sotto il mare di Palinuro, Montecorice, scrigno di rare bellezze, Pisciotta, ulivi millenari e presidio slow food delle alici di menaicae Sapri, cuore del Golfo di Policastro. Tante le iniziative culturali: escursioni, visite guidate, trekking, degustazioni di prodotti tipici, laboratori culturali che ogni Comune metterà a disposizione, e dal tramonto in poi a concludere la giornata sarà la musica.

Un festival itinerante che vedrà la partecipazione di numerosi artisti di fama internazionale come Eugenio Bennato in trio acustico, Dente, Enrico Rava e Giovanni Guido duo, Antonio Farao Trio, Afterhours e Marlene Kuntz, Mario Incudine Trio, Posteggiatori Tristi, Lee Scratch Perry con un Programma molto ricco e dettagliato. (www.viviamocilento.it/musica)

1900187_665695750164294_1717251065_oIn particolare il 2 maggio SLOW FESTIVAL VIVIAMOCILENTO 2014 a salire sul palco saranno i Marlene Kuntz alle ore 21, ma saranno preceduti da un contenst di band emergenti che vedrà protagonisti a partire dalle 17 Antunzsmask,  Hybrida,  Sonatin for a jazz funeral, Joseph Martone and–the travelling souls, The Lef, Guido Maria Grillo.

Dopo diversi sold out in tutta Italia i Marlene Kuntz portano dal vivo a VIVIAMOCILENTO i brani del loro ultimo lavoro “Nella tua luce”, mescolandoli a vere e proprie gemme del loro repertorio, tutto in un continuo alternarsi di intensità, forza e violente sferzate rock. “Nella tua luce”, il nono album della ventennale carriera dei Marlene, il primo ad essere totalmente autoprodotto dal gruppo, è un disco particolarmente sentito dalla band, che ha voluto dedicare oltre due anni alla sua realizzazione per curarne ogni dettaglio. Uscito lo scorso agosto, racchiude il meglio di quel sound che, insieme a un’originale e spiccata vena autorale, è diventato il “marchio di fabbrica” di Cristiano Godano e soci. L’album è stato anticipato dal singolo “Il Genio (l’ importanza di essere Oscar Wilde)”, a cui ha fatto seguito il “Seduzione”. marlenekuntz.com

Per l’occasione abbiamo intervistato l’ideatore del festival, Giovanni Sparano:

Da cosa nasce l’ iniziativa VIVIAMOCILENTO?

“La prima edizione di VIVIAMOCOILENTO nasce nel 2012, con la prima edizione, ma l’idea mi è venuta tre anni prima per fare un focus del territorio cilentano e mettere in luce tutte le sue potenzialità naturali senza apportare modifiche strutturali al territorio. Io ho immaginato ad un evento che possa coinvolgere soprattutto le famiglie, affinché potessero vivere una giornata piena nel Cilento dalla mattina, magari lasciando i figli nei vari laboratori culturali che ci possono essere,  alla scoperta della macchia mediterranea, per gli adulti andare per sentieri sia via terra che via mare. I punti di forza sono i concerti, infatti  dal tramonto in poi si esibiranno sul palco numerosi artisti  dagli Afterhours ai Marlene Kuntz, Mario Incudine, Dente. Da quest’anno abbiamo una  compagine molto forte.Quindi l’idea è quella di portare da una parte la musica attraverso gli artisti importanti, e dall’altra offrire una  proposta turistica in un periodo normalmente poco battuto”.

Da chi è organizzato il festival?

“Io sono il direttore artistico, l’ideatore, di questo evento,  vivo a Parma da 12 anni, ma sono un ebolitano, mi chiamo Giovanni Sparamo, qui porto avanti un festival che si chiama ‘Barezzi Live Festival’ e mi avvalgo della produzione e l’organizzazione di polis web. Questo Festival è un protocollo d’intesa di ben 9 comuni che saranno i protagonisti del Festival, dove ognuno dei quali metterà a disposizione le proprie risorse”.

Un festival itinerante  che coinvolgerà numerosi comuni del Cilento, qual è il messaggio che si vuole trasmettere?

“Il messaggio è quello li che racchiude il nome stesso,  viviamo Cilento, cioè prendiamoci una pausa e godiamoci naturalmente un territorio che è tra i più belli del mondo. È un festival slow dove si possono degustare i prodotti della terra,prodotti tipici del Cilento e si possono ammirare le bellezze naturali del territorio attraverso le escursioni che ogni comune metterà a disposizione e che offrirà”.

Oltre ai grandi artisti verrà dato spazio anche alle band emergenti, il 2 Maggio?

“Si, il 2 maggio prima del concerto dei Marlene Kuntz ci sarà un palco B, i gruppi saranno scelti in base a dei requisiti specifici, grazie alla collaborazione con Roberto Forlano, il programma lo pubblicheremo in questi giorni,ci saranno anche  artisti legati al circuito Cilentosona, una nuova associazione, nata da poco,  e coordinata da Massimo Bonelli. Cilentosona è un’associazione di tanti artisti cilentani, in collaborazione con CNI, Compagnia Nuove Indye, Massimo è un operatore del settore molto in gamba,e  per questo festival ha messo in campo tante energie. Anche lui come me è legato al territorio visto che anche lui è un ebolitano come me. Io  penso che questo sia un festival dalle tante qualità e per questo deve crescere, nel corso degli anni”.

Alessandra Agrello

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA