Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Castel San Giorgio. Iniziati i rilievi del sottosuolo nell’ex discarica Paterno, Longanella: “Atti concreti”

Scritto da Redazione il 11 aprile 2014 in Agro Nocerino,Evidenza. Stampa articolo

5Castel San Giorgio. Sono partiti i lavori per le indagini preliminari e i rilievi del sottosuolo in località Selva Levatoio – Paterno, zona interessata sin dagli anni settanta da una discarica. Ad annunciarlo il sindaco Franco Longanella e l’assessore all’Ambiente Michele Salvati. 

A coordinare le operazioni il geologo incaricato dal Comune, Rosario Fimiani, con il quale collaborano fattivamente altri esperti del settore.

La relazione finale sarà inviata ai laboratori di analisi della Regione Campania che si stanno occupando dell’inquinamento nelle zone della cosiddetta “Terra dei Fuochi”.

“L’Amministrazione Longanella – ha commentato l’assessore Salvati – ha da sempre posto grande attenzione ai temi ambientali e, posso annunciare che, dopo gli interventi e le verifiche effettuate in questa ex discarica di Paterno, provvederemo alla bonifica entro il prossimo 31 luglio della discarica della frazione Castelluccio. Il tutto è stato possibile grazie ad un finanziamento di circa 160 mila euro”.

Soddisfatto anche il primo cittadino. “Castel San Giorgio continua nella sua opera di sensibilizzazione sul tema ambientale e lo fa con atti concreti, con interventi mirati. Non potevamo restare fermi rispetto a una problematica come questa della ex discarica di Trivio. Vogliamo vederci chiaro, così come già abbiamo fatto per altre zone del territorio, in particolare per le esondazioni del torrente Solofrana e le disfunzioni della rete fognaria. Vivere in una città diversa si può, ma soltanto se tutti, amministratori e cittadini, riescono a mettere in piedi le azioni necessarie per prevenire problemi e preservare il proprio habitat. Le soluzioni sono più difficili e onerose quando i problemi vengono trascurati per decenni”.

[nggallery id=487]

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA