Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Eboli. Assistenti sociali a rischio nei piccoli Comuni, Melchionda: “Regione ingessata e sorda”

Scritto da Redazione il 18 aprile 2014 in Piana del Sele. Stampa articolo

martino melchionda-2Eboli. Il sindaco Martino Melchionda scrive al Presidente dell’Anci Campania Francesco Paolo Iannuzzi  e all’Assessore regionale alle Politiche Sociali Ermanno Russo affinché si faccia definitiva chiarezza sul servizio sociale professionale.

La legge regionale prevede tra i livelli minimi delle prestazioni sociali il servizio professionale, da garantire a cura di ogni comune, oltre che dai comuni in forma associata. Tale concetto viene ribadito anche nel Piano Sociale Regionale, secondo cui deve essere garantita la presenza di almeno un assistente sociale ogni 10mila abitanti.

Occorre fare chiarezza in tempi brevi, – scrive Martino Melchionda – per dare certezza agli operatori e agli amministratori.Ora, l’interpretazione che la struttura tecnica dell’assessorato alle Politiche Sociali della Regione sta dando a riguardo,  non confortata peraltro da nessuna norma, rischia di vanificare tale obiettivo, con evidenti danni per i cittadini. La Regione sostiene, difatti, che il servizio sociale professionale debba essere garantito esclusivamente dai comuni. Come dovrebbero fare i piccoli comuni che non hanno la possibilità di avere in organico assistenti sociali a garantire questo servizio?”

Questi ultimi, infatti, si trovano nell’impossibilità di assicurare il segretariato sociale, non soltanto per ragioni economiche, ma soprattutto per i limiti di spesa di personale imposti dalle norme sul contenimento della spesa pubblica. “Il rischio serio – continua – è quello di non riuscire più ad assicurare un servizio essenziale a tutti i cittadini della Campania. Ebbene, ritengo che questo sia un problema di cui l’Anci debba farsi carico, promuovendo un confronto serrato fra gli enti locali e l’assessorato regionale, invitando quest’ultimo a rivedere una posizione rigida e non aderente ai principi che sono alla base della stessa normativa regionale”.

Melchionda non ha dubbi e incalza: “La Regione continua a mostrarsi ingessata burocraticamente e sorda alle esigenze dei comuni e dei cittadini. Stiamo ancora aspettando che si decida ad emanare le note operative e a dare luogo al riparto delle risorse fra i vari ambiti della Campania, e il Comune di Eboli è ancora in attesa delle risorse stanziate per il 2013 e di gran parte di quelle del 2012, anticipate dall’Ente per evitare la sospensione di servizi di primaria importanza per la collettività”.

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA