Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Disagi stradali nei Picentini, interviene Russomando: “Iannone è distratto, le strade sono impraticabili”

Scritto da Redazione il 3 maggio 2014 in Evidenza,Picentini. Stampa articolo

paolo_russomandoGiffoni Valle Piana. Le strade provinciali dei Picentini mai si sono presentate in un tale cattivo stato nel passato. Le carreggiate presentano numerose insidie per gli automobilisti, costretti, talvolta, a manovre pericolose per evitare buche ed ostacoli. Il Consigliere Provinciale Paolo Russomando ha presentato al Presidente Antonio Iannone un quadro sulla situazione della viabilità nella zona.

“Percorrere le strade dei Picentini è diventata un’impresa a totale rischio e pericolo per gli automobilisti – ha dichiarato il Consigliere Russomando – La mancanza di interventi di manutenzione seri e risolutivi, non palliativi come finora, ha riproposto gli stessi e più gravi disagi del passato. Lo stato delle strade è estremamente degradato, tant’è che alcuni tratti, come la provinciale Ponte Molinello – Prepezzano, sono state chiuse al transito. Sulla provinciale 25, nel tratto che attraversa il territorio di Malche di Giffoni Sei Casali, la strada presenta delle buche enormi che stanno provocando danni alle vetture con grave pericolo per la sicurezza degli automobilisti. Davanti a un quadro così disastroso, il Presidente Iannone è distratto dai suoi impegni elettorali, pensando solo a come staccare il biglietto per Strasburgo, mentre nei Picentini non si riesce, tra poco, neppure a raggiungere il capoluogo di provincia”.

Il Consigliere Paolo Russomando ha chiesto un sopralluogo urgente dell’ufficio tecnico provinciale al fine di verificare in modo preciso e puntuale le problematiche segnalate e predisporre idonee perizie di spesa, “confidando – aggiunge Russomando – che i lavori vengano fatti entro il mese di luglio, visto l’approssimarsi della manifestazione Giffoni Experience”.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA