Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Diecimila cartoline a Renzi, l’iniziativa della Cisl Fnp di Salerno per i problemi della terza età

Scritto da Redazione il 10 giugno 2014 in Politica. Stampa articolo

Matteo-Renzi-elezioni Matteo-Renzi_Matteo-Renzi_Palazzo Chigi verrà inondato dalle cartoline da parte della Fnp Cisl di Salerno. Saranno oltre 10 mila, infatti, le cartoline che il sindacato guidato da Giovanni dell’Isola invierà a Matteo Renzi per alzare l’attenzione sulla situazione dei pensionati in Italia.

“Dopo questa iniziativa il presidente del Consiglio dei ministri non potrà più ignorarci – commenta Dell’Isola – a fronte delle gravi difficoltà che le famiglie di pensionate e pensionati a basso reddito stanno vivendo in questa lunga ed estenuante crisi socio economica. Noi della Fnp Cisl Salerno, così come abbiamo dimostrato in tante altre occasioni, in mancanza di risposte concrete del Governo, non tarderemo a far sentire la nostra voce nelle piazze del Paese. Ci sta ancora del tempo per firmare le cartoline e lo può fare chiunque, non solo i pensionati. Al presidente del consiglio Matteo Renzi – continua il segretario Fnp Cisl – chiediamo che estenda ai pensionati il bonus mensile di 80 euro ma anche lavoro, sviluppo, occupazione, tutela del reddito della categoria, un welfare pubblico e solidale e infine la riduzione delle tasse e l’attesa legge sulla non autosufficienza. Porteremo personalmente a Renzi le cartoline con un’iniziativa che coinvolgerà tutta Italia. Abbiamo assunto questa iniziativa – conclude Dell’Isola – per sensibilizzare l’opinione pubblica e, soprattutto, chi ha responsabilità di governo sulle diverse problematiche che affliggono gli anziani in generale”.

Ma non solo la Fnp scrive a Renzi. Anche la Cisl Salerno, guidata dal segretario Matteo Buono, richiede l’attenzione del Presidente del Consiglio per la Fondovalle Calore. “Chiediamo che il famoso decreto per lo sblocco dei cantieri tuteli il lavoro dei tanti dipendenti pubblici e guardi con attenzione al futuro dei territori – esordisce Buono –Le Opere Pubbliche in Italia vengono sistematicamente bloccate da una legislazione a  pioggia che rende complicato e difficile da comprendere il quadro normativo. Troppe leggi ma anche tante competenze di Enti che provocano lo stop alla realizzazione di strutture importanti per il futuro dei cittadini. E’ per questa ragione che abbiamo inviato una lettera al Presidente del Consiglio Matteo Renzi – continua il segretario della Cisl – con la quale chiediamo che il famoso decreto per lo sblocco dei cantieri tenga conto di queste preoccupazioni, tuteli il lavoro dei tanti dipendenti pubblici, guardi con attenzione al futuro dei territorio. A Renzi – conclude Matteo Buono – abbiamo segnalato quella che ci pare essere l’opera simbolo di una legislazione poco chiara e di una enorme sovrapposizione di competenza: la Fondovalle Calore. L’auspicio è che un intervento legislativo riporti chiarezza e consenta anche la riapertura di cantieri che potrebbero essere una vera e propria boccata di ossigeno per l’economia locale.

 

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA