Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Come cambierà la maturità: via la tesina, più spazio ai laboratori

Scritto da Redazione il 13 giugno 2014 in Attualità. Stampa articolo

esami-di-statoLa Maturità 2014 è l’ultima della «vecchia» scuola, l’ultimo esame che si realizza sulla base della legge 425 del 1997 (e del Regolamento attuativo, dpr 323/98).

Con il prossimo anno scolastico va a regime anche il quinto anno della Riforma avviata nel 2010 dal ministro Gelmini e, cambiati i programmi di licei e istituti, cancellate le vecchie sperimentazioni, le prove dovranno tenere conto dei nuovi programmi. Non si tratta di una riforma vera e propria, ma di una revisione certamente. Per rendere le prove più coerenti con gli indirizzi andati a regime con la riordino firmato dal ministro Mariastella Gelmini, primo fra tutti il liceo musicale o coreutico che per la prima volta l’anno prossimo affronterà l’esame di maturità.

I nuovi indirizzi

Al ministero stanno lavorando per l’esame 2015 che, ovviamente, dovrà essere presentato a settembre per non mettere in ansia i futuri maturandi e gli stessi insegnanti. I più toccati dai nuovi ordinamenti sono gli istituti tecnici e professionali, unitamente ai licei linguistici (molto meno coinvolti i licei classici). Cambieranno le modalità di valutazione del curriculum visto che si è data molta più importanza alle attività laboratoriali, e agli stage, e alle competenze da acquisire con i più svariati e più aggiornati metodi e strategie.

La terza prova non sarà nazionale

E in queste nuove modalità, che peso avrà la terza prova? Pare che sia troppo difficoltoso organizzare una terza prova nazionale curata dall’Invalsi (dal punto di vista economico e non solo, basti pensare alla diseguaglianza nelle programmazioni didattiche delle scuole). Così, al ministero pensano solo a qualche ritocco: per esempio, farla confezionare sempre dalle singole scuole, ma con criteri e indicazioni nazionali (magari una terza prova non redatta dalla singola classe, ma valevole per tutte le classi d’esame del singolo istituto). Potrebbe sparire anche la tesina, sempre più contestata da insegnanti e studenti perché a parte casi di eccellenza si riduce al copia e incolla di vecchi lavori.

Sul tavolo di lavoro, poi, rimangono gli altri (i soliti) problemi legati alla formazione delle commissioni, al costo complessivo di tutta l’operazione, al reale peso che l’esame ha nell’ammissione ai corsi universitari (e nella Riforma, le classi quinte del prossimo anno dovranno tenere a battesimo le nuove strategie di raccordo tra scuola superiore e università o il mondo del lavoro).

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA