Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Eboli. L’impianto di compostaggio ora può essere inaugurato

Scritto da Redazione il 4 agosto 2014 in Ambiente,Evidenza,Politica. Stampa articolo

EboliQuesta mattina, il dirigente del Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali della Regione Campania ha firmato il decreto di autorizzazione all’esercizio dell’impianto di compostaggio del Comune di Eboli.

La firma giunge dopo un lungo iter burocratico, che ha visto dapprima la conferenza di servizi tra i vari enti protrarsi per quasi 10 mesi e poi la richiesta di ulteriore documentazione. A distanza di un anno e mezzo dal collaudo dell’impianto, si è nelle condizioni di metterlo in funzione.

“Sono trascorsi anni – dichiara il Sindaco di Eboli Martino Melchiondada quando, per scelta di questa Amministrazione, si è deciso di costruire ad Eboli questo tipo di impianto, con evidenti vantaggi sia in termini ambientali che economici. Una scelta all’avanguardia, i cui benefici potranno essere rafforzati attraverso l’implementazione del digestore anaerobico, che consentirà di ampliare sia la capacità dell’impianto che il risparmio per i cittadini. La Regione, ora, eroghi rapidamente l’ultima tranche del finanziamento, pari a circa 350mila euro, che questo Ente ha anticipato, facendo fino in fondo la propria parte, affinché i lavori potessero essere portati a termine”.

“Si tratta – afferma l’assessore all’Ambiente Ilario Massarelli di una buona notizia; finalmente, dopo anni, potremo mettere in esercizio un impianto che consentirà di smaltire circa 20 mila tonnellate di umido all’anno, trasformandole in compost, utilizzabile come fertilizzante in agricoltura. Un processo, dunque, assolutamente pulito, che si avvale delle migliori tecnologie e che trasforma i rifiuti in risorsa. Il risparmio stimato per l’Ente – che in un anno smaltisce quasi 5000 tonnellate di frazione organica – è di circa 200mila euro all’anno, senza considerare i 5 euro a tonnellata di ristoro ambientale che dovranno esserci riconosciuti”.

 

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA