Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Arrestati due bracconieri nel Parco Nazionale del Cilento

Scritto da Redazione il 13 novembre 2014 in Cilento,Cronaca,Evidenza,Territorio,Vallo di Diano. Stampa articolo

forestale fuciliCasalvelino. Sono stati colti in flagranza di reato i due bracconieri che si erano introdotti nel Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni per cacciare. A seguito di una segnalazione giunta alla Centrale operativa del 1515, la Guardia Forestale si è recata in località “Foresta” nel comune di Casalvelino.

Seguendo un sentiero di terra battuta e udendo l’abbaiare dei cani i forestali hanno colto sul fatto due cacciatori, di 50 e 37 anni residenti a Casalvelino, che armati di fucile stavano facendo una battuta di caccia in area protetta.

La Legge Quadro sulle aree protette e le norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio prevedono per la caccia nei Parchi Nazionali l’arresto fino a 6 mesi e l’ammenda da 464 a 1549 euro, mentre per l’introduzione di armi non autorizzate, la legge prevede l’arresto fino a 6 mesi e l’ammenda da 103 a 12.911 euro.

Le Giubbe Verdi hanno sequestrato le armi e le munizioni, deferendo alla competente A.G. di Vallo della Lucania i due bracconieri.

L’attività di controllo della Guardia Forestale è rivolta anche a tutelare la pubblica incolumità e la salute dei consumatori, poiché le carni non sono sottoposte ad alcun controllo sanitario e pertanto il loro consumo mette a serio rischio la salute della collettività.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA