Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Tre milioni di euro dalla Regione per l’ex Convento di San Benedetto a Pontecagnano

Scritto da Redazione il 18 novembre 2014 in Piana del Sele,Politica,Territorio. Stampa articolo

PontecagnanoPontecagnano-Faiano. È stato approvato il finanziamento da parte della Regione Campania per il restauro funzionale dell’ex Convento di San Benedetto per il miglioramento dell’offerta turistico-culturale del sito archeologico di Pontecagnano Faiano. Un investimento di 2 milioni e 858mila euro (riferito per il 75 % alla quota di cofinanziamento della UE e per il 25 % alla quota nazionale) che rientra nell’Obiettivo Operativo 1.9 Beni e siti culturali.

“E’ un risultato straordinario che premia un lavoro immenso e la determinazione di chi, come noi, ha creduto sin da subito nelle potenzialità di un progetto sul recupero del borgo di Faiano in linea con la valorizzazione della nostra Città” dice il sindaco Ernesto Sica.

Andremo avanti con determinazione e celerità per espletare tutte le procedure necessarie alla realizzazione dell’intervento” assicura l’Assessore ai Lavori pubblici Dario Del Gais, “L’Ente, tra l’altro, ha provveduto a individuare, in un’ottica di rilancio e ampia valorizzazione, le destinazioni pubbliche per l’utilizzo del complesso, quale struttura polifunzionale di quartiere, luogo d’aggregazione e socializzazione aperto a tutti e di diffusione della cultura locale attraverso una sinergia con il Parco Archeologico e il Museo Archeologico Nazionale”.

L’ex Convento di San Benedetto è stato acquisito al patrimonio comunale tra il 2011 e lo scorso anno su volontà dell’Amministrazione comunale. La Giunta Municipale, dopo l’approvazione del progetto esecutivo nel dicembre del 2013, ha, dunque, candidato la proposta progettuale nell’ambito dell’avviso regionale relativo ai finanziamenti per i progetti di sviluppo urbano con particolare riferimento al restauro, riqualificazione e rifunzionalizzazione di beni pubblici e/o comunali e/o archeologici e/o storico/artistici”.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA