Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Amianto al castello di Agropoli, Caccamo: “Camelot ha scoperto l’acqua calda”

Scritto da Redazione il 29 gennaio 2015 in Cilento,Evidenza,Salute,Sicurezza,Sociale,Territorio. Stampa articolo

Castello-di-Agropoli-Agropoli. La presenza di amianto al castello di Agropoli continua a destare polemiche.

In particolare, quelle dell’associazione “Camelot” che ne ha segnalato la presenza.

Il Presidente dell’associazione, Giovanni Basile, ha attaccato senza remore Sindaco, Assessori e i 5 Stelle. Secondo Basile, il primo cittadino avrebbe minimizzato il problema, l’Assessore Massimo La Porta avrebbe respinto ogni responsabilità e l’esponente del Movimento 5 Stelle, Consolato Caccamo, neo candidato al Consiglio regionale, avrebbe saputo della presenza dell’amianto, ma non avrebbe reso nota la notizia. Queste le critiche del Presidente Basile.

Secca e diretta la replica di Caccamo, che ha confermato di essere a conoscenza della vicenda e di averla segnalata, ma di non aver voluto renderla pubblica per un “evidente conflitto d’interesse con il lavoro che svolgo“.

Camelot“, quindi, “ha scoperto l’acqua calda“, continua il 5 Stelle. Pare, inoltre, che in città ci sarebbero situazioni peggiori.

La piazza – dice Caccamo – è stata rifatta con fondi destinai alla rimozione delle tubature dell’acqua in amianto, ma ne sono state sostituite ben poche“.

Raissa Pergola

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA