Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Paganese, Moracci: “Artefici del nostro destino”. Sottil pensa all’undici anti-Melfi

Scritto da Redazione il 5 marzo 2015 in Calcio,Paganese,Sport. Stampa articolo

sottilNiente più passi falsi. Lo ha ripetuto più volte Andrea Sottil ieri ai suoi uomini, subito dopo le parole rilasciate alla stampa dal dg D’Eboli. Per la Paganese è giunto il momento di strappare la prima vittoria del 2015 e fare un importante passo verso una salvezza complicatasi e non poco in questo deludente avvio di girone di ritorno. Una situazione difficile per lo staff tecnico e per i calciatori, in difficoltà dal punto di vista psicologico e alla ricerca di un successo che manca dal 14 dicembre 2012, quando al “Torre” una rete di Calamai piegò il Catanzaro e consegnò agli uomini di Sottil l’ultimo hurrà di questo campionato.

A tenere alta la tensione nello spogliatoio ci ha pensato anche Leonardo Moracci, colosso della difesa azzurrostellata e vero e proprio perno dal pacchetto arretrato del club campano. Il toscano si è soffermato sulla crisi di risultati, ritornando sul pari con il Cosenza e presentando l’ostica sfida di sabato col Melfi. “Non possiamo più sbagliare – ha esordito Moracci – dobbiamo venire fuori da questo momento critico e fare risultato. I risultati arrivati dagli altri campi danno un valore importante al punto guadagnato con il Cosenza. Certo, dispiace non aver sfruttato le occasioni avute e non aver reso felice il pubblico presente domenica allo stadio, ma ora dobbiamo pensare alla prossima sfida e provare a vincere su un campo difficilissimo come quello di Melfi.

Sfida importante? Sì lo è perchè entrambe le squadre hanno bisogno di punti salvezza e il nostro leggero vantaggio in classifica non significa nulla. Dopo il fischio d’inizio la classifica non conta più e vincerà solo chi dimostrerà di essere più bravo. Sarà sicuramente una partita agguerrita e non semplice. Ci stiamo allenando come sempre con impegno, sapendo che nelle prossime settimane saremo artefici del nostro destino, sarà necessario fare punti e metterci al sicuro da eventuali sorprese. Siamo consapevoli e consci che non sarà facile. Quello di sabato è il primo di una lunga serie di scontri diretti, non dobbiamo mollare se vogliamo salvarci quanto prima”.

Sottil intanto ieri ha fatto lavorare a lungo la squadra sulla tattica, provando più volte i movimenti offensivi da attuare nella sfida contro il Melfi per rompere un digiuno dal gol che dura da ben tre gare. Il tecnico sembra intenzionato a riproporre il 4-3-3 con Vinci, Tartaglia, Moracci e Donida a proteggere i pali di Marruocco. A centrocampo Baccolo guarderà le spalle ai due interni Calamai e Malaccari mentre in attacco Aurelio e Girardi sono sicuri di un posto mentre Longo potrebbe scalzare Russini e completare così il tridente offensivo. Ritornerà in panchina Deli dopo il lungo periodo d’inattività, mentre solo il giovane Coulibaly non sarà della partita causa infortunio.

Sabato Romeo

 

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA