Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Cavese, a Francavilla arriva un nuovo stop. Play-off sempre più lontani

Scritto da Redazione il 8 marzo 2015 in Calcio,Evidenza,Sport. Stampa articolo

agovino_caveseStop esterno. La Cavese non riesce ad emulare la vittoria con la Scafatese ed esce sconfitta dalla sfida con il Francavilla. Un match completamente dominato dai lucani, bravi prima a concretizzare la grande mole di gioco creata e poi a chiudere i conti dopo il gol illusorio di Della Corte. Una sconfitta che lascia la Cavese a quota quarantuno punti, a meno quattro dal Brindisi quinto in classifica.

Il Francavilla prova subito a rendersi pericoloso sfondando sulle fasce ma trovando pronta la difesa aquilotta. Al 20’ De Rosa viene fermato dal guardialinee tutto solo davanti a Scalese lasciando non pochi dubbi alla panchina ospite. Al 25’ il pubblico di casa insorge per un contatto dubbio fra Picci e Picascia in piena area di rigore. La Cavese soffre e non riesce ad essere pericolosa nonostante qualche buona giocata per Suriano in velocità. Al 29’ Picascia è bravissimo a firmare Aleksic, servito da Picci. Al 31’ proprio Picci viene ammonito dall’arbitro Ruggieri per una presunta simulazione in piena area metelliana.

Al 36’ Di Fiore prova l’azione personale e calcia dal limite ma il tiro, deviato da Campanella, viene bloccato da Napoli. Pochi istanti dopo Aleksic mette al centro per Picci che colpisce di testa ma trova la traversa a dirgli di no. La Cavese sbanda e viene messo alle corde dai locali che al 41’ passano. Cross di Nicolao e colpo di testa di Aleksic che batte Napoli e fa esplodere i suoi tifosi. Gli aquilotti si riversano in avanti e sfiorano il pari con Suriano proprio in chiusura di parziale con una girata che trova la risposta miracolosa di Scalese.

Nella ripresa Agovino ridisegna la sua Cavese passando ad un 4-3-3 più offensivo e lanciando in campo De Stefano e Palumbo per Platone e Suriano. I locali però sfiorano subito il gol con Picci, anticipato all’ultimo istante da Varchetta. E’ il preludio al raddoppio che arriva subito dopo con un destro di Lancellotti che, deviato da un difensore ospite, fa secco Napoli e regala il raddoppio ai locali. La Cavese accusa il colpo ma prova a reagire. Un calcio di punizione di De Rosa al 53’ viene bloccato da Scalese senza patemi. Poco dopo Della Corte prova un destro al volo su un lungo cross di De Rosa ma il tiro è una telefonata per Scalese. Il neo-entrato è lesto poco dopo a mettere in rete un pallone vagante dopo una grande parata del numero uno locale su Ausiello.

Al 62’ Aleksic prova a chiudere il match con un colpo di testa ma Napoli c’è. Qualche minuto dopo Ausiello trova l’inserimento giusto ma ancora una volta Scalese si supera e salva il risultato. La Cavese prova ad alzare il baricentro ma al 71’ incassa il terzo gol. Aleksic fugge sulla destra e serve al centro Picci che tutto solo non può sbagliare. De Rosa prova a suonare la carica con un calcio piazzato ma la Cavese accusa il colpo e non riesce mai ad avere chance nitide per rientrare in partita. Nel finale prima Ausiello e poi Varchetta trovano due clamorosi salvataggi sulla linea e devono così arrendersi alla sconfitta che allontana pericolosamente il sogno play-off.

FRANCAVILLA: Scalese, Ranieri, Nicolao, Roselli (dal 68’ Donnaddio), Marziale, Gasparini, Di Fiore, Pioggia, Picci, Aleksic (dal 75’ Sperandeo), Lancellotti (dall’86’ Pulci). (A disp: Rana, Rizzo, De Marco, Marra, Fanelli, Mansour). Allenatore: Lazic.

CAVESE: Napoli, Capaldo, Picascia, Ausiello, Varchetta, Campanella, Suriano (dal 45’ Palumbo), Platone (dal 45’ De Stefano), Lucchese, De Rosa, Della Corte. (A disposizione: Aprile, Di Grezia, La Mura, Pugliese, Giordano, Petti, Allegretta). Allenatore: Agovino.

Arbitro: Ruggieri di Roma.

Reti: 40’ Aleksic, 47’ Lancellotti, 57’ Della Corte (C), 71’ Picci.

Ammoniti: Picci, Lancellotti, Aleksic (F), Campanella, Capaldo (C).

Note: recupero (0’ p.t., 2’s.t.)

Sabato Romeo

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA