Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Festa del papà: perché si festeggia il 19 marzo e si mangiano le zeppole?

Scritto da Redazione il 19 marzo 2015 in Eventi,Evidenza. Stampa articolo

599041_10151537791464345_2047815682_nOggi 19 marzo si celbra la festa del papà, non solo in Italia, ma nei principali paesi a tradizione cattolica, come la Spagna e il Portogallo.

La data fu per molto tempo la principale festa cattolica dedicata a san Giuseppe, il padre di Gesù: se ne hanno pochissime notizie ricavate dai Vangeli  ma intorno a lui ci furono fin dai primissimi secoli dopo Cristo molte leggende e tradizioni. Il 19 marzo coincide secondo tradizione con la data in cui morì San Giuseppe.

Oggi il simbolo di questa festa sono divenute le zeppole. La prima ricetta scritta risale al 1837, nel trattato di cucina napoletana di Ippolito Cavalcanti, ma, secondo una leggenda, le zeppole risalgono al momento in cui, dopo la fuga in Egitto con Maria e Gesù, San Giuseppe dovette vendere frittelle per poter mantenere la famiglia e i romani gli diedero l’appellativo di “frittellaro”. Da lì, le zeppole furono elette i dolci tipici della festa del papà.

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA