Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Sanità, Valiante a Lorenzin: “77enne morta a Vallo della Lucania per angiografo rotto”

Scritto da Redazione il 25 marzo 2015 in Cilento,Ospedali,Sanità,Servizi,Territorio. Stampa articolo

angiografoVallo della Lucania.  “Quattro mesi e nulla è cambiato. L’angiografo dell’ospedale di Vallo della Lucania continua a funzionare a singhiozzo, un’ora alla settimana, ed è costato la vita a una donna di 77 anni, infartuata, proveniente da Sapri e costretta a un’ora di trasporto per raggiungere l’ospedale di Eboli”.

Questa la denuncia del deputato del Pd Simone Valiante in un’interrogazione al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

È inaccettabile – scrive Valiante – che l’esito terapeutico sia legato alla casualità del giorno in cui si manifesta un malore.

È opportuno ribadire che in seguito alla chiusura del nosocomio di Agropoli, l’ospedale San Luca di Vallo della Lucania ha subito un considerevole aumento di utenza e che, essendo classificato come Dea di III livello, deve assicurare le funzioni di più alta qualificazione legate al soccorso delle emergenze tra cui la cardiochirurgia, la neurochirurgia, la terapia intensiva neonatale, la chirurgia vascolare, la chirurgia toracica continuativamente.

L’Asl di Salerno – prosegue Valiante nell’interrogazione – aveva garantito la fornitura di macchinari nuovi per angiografia e Tac all’ospedale San Luca ma l’attesa sta continuando ingiustificatamente a protrarsi, determinando disservizi con gravissime conseguenze.

Chiedo quindi al signor Ministro quali iniziative di competenza intenda assumere per consentire il ripristino regolare delle attività diagnostiche cliniche ospedaliere al San Luca il cui ruolo è di fondamentale importanza per il territorio scongiurando così altri ulteriori eventi gravissimi”.

Fonte Ansa

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA