Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Fermati 7 venditori ambulanti non autorizzati, sequestrata la merce

Scritto da Redazione il 30 aprile 2015 in Cronaca,Salerno,Territorio. Stampa articolo

venditori abusivi ombrelli-2Salerno. Sempre più spesso le città sono prese di mira da gruppi organizzati di venditori di strada che passeggiando tra le strade cittadine cercano in tutti i modi di piazzare la merce che hanno da offrire.

Anche Salerno non è da meno, infatti, oltre alle classiche bancarelle, che puntellano il lungomare o si riparano sotto i portici di corso Vittorio Emanuele, da tempo si vedono venditori ambulanti che spuntano all’improvviso e non si sa mai bene da dove e dopo essersi affiancati con fare tutt’altro che discreto, cominciano a fare una serie interminabile di domande e richieste che il più delle volte vanno a sfinire il malcapitato di turno che per la disperazione o accetta di comprare o liquida in malo modo il venditore appiccicoso.

Nonostante la continua presenza delle forze di Polizia che pattugliano le strade cittadine la presenza di tali individui è diventata ormai la normalità.

Nella giornata di ieri, ad esempio, sono state 7 le persone intercettate dagli agenti della Polizia Municipale, sorprese nella vendita non autorizzata di ombrelli ed altri oggetti di varia natura. Dai successivi controlli si è scoperto che tutti sono di nazionalità italiana e tutti residenti in Campania, e che erano in città con il solo scopo di vendere la propria merce.

I 7 uomini sono stati bloccati e sanzionati dagli agenti che hanno poi provveduto al sequestro della merce ancora invenduta che avevano con loro.

Le zone che i venditori avevano scelto sono le più classiche, il viale del Lungomare Colombo, il Corso Vittorio Emanuele e l’area tra piazza XXIV Maggio e via dei Principati, tutti luoghi dove l’alta concentrazione di persone rappresenta una speranza più concreta e con maggiori possibilità di un eventuale successo.

Be Sociable, Share!

© RIPRODUZIONE RISERVATA