Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Giffoni Valle Piana, al via la campagna di sottoscrizione per referendum abrogativi

Scritto da Redazione il 14 agosto 2015 in Evidenza,Picentini,Politica,Territorio. Stampa articolo

firmeGiffoni Valle Piana. E’ stata avviata a livello nazionale una campagna di sottoscrizione, volta alla raccolta di firme per proposte di referendum abrogativi e di leggi di iniziativa popolare.

La sottoscrizione avviene su appositi moduli che i comitati promotori delle iniziative inviano direttamente all’Ufficio Elettorale.

Il comitato promotore Salerno Possibile ha provveduto alla consegna del modulo vidimato, con lettera di presentazione dell’iniziativa e con i recapiti dei referenti sul territorio, presso il Comune di Giffoni Valle Piana e altri Comuni salernitani, tra cui Giffoni Sei Casali, Pellezzano, Vietri sul Mare, San Cipriano, Salerno, affinché siano messi a disposizione dei sottoscrittori presso gli uffici comunali.

La data ultima a disposizione per sottoscrivere l’iniziativa è stata fissata dal comitato promotore per il giorno 26 settembre 2015.

Entro il 30 settembre, infatti, dovranno essere consegnati i moduli firmati, certificati ed autenticati, presso la Corte di Cassazione.

E’ possibile prendere visione del testo completo della proposta sul sito di riferimento dell’iniziativa www.possibile.com.

I quesiti proposti vertono su quattro grandi temi: la democrazia e la sovranità popolare, la riconversione ecologica dell’economia, la tutela dei diritti dei lavoratori, la tutela della docenza e dell’apprendimento. Temi, quindi, legati alla riforma elettorale, al Jobs Act, allo Sblocca Italia e le grandi opere, alla riforma sulla scuola.

Questi gli otto quesiti proposti:

– Eliminazione dei capilista bloccati e delle candidature multiple

– Eliminazione della legge elettorale proporzionale con premio di maggioranza, capilista bloccati e candidature plurime

– Eliminazione delle trivellazioni in mare

– Eliminazione del carattere strategico delle trivellazioni

– Superare la politica delle “Grandi Opere”

– Esclusione del demansionamento

– Tutela del lavoratore dai licenziamenti

– Tutela della docenza e dell’apprendimento per una scuola di tutti e non del Preside-Manager

La sfida referendaria consentirebbe di restituire ai cittadini la sovranità che hanno smarrito, rispetto a quanto successo in Parlamento negli ultimi due anni.

 

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA