Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Albanella, sindaco assente

Scritto da Redazione il 17 settembre 2015 in Piana del Sele,Territorio. Stampa articolo

AlbanellaAlbanella. E’ sempre più forte da parte dei cittadini il malcontento per la gestione di Albanella da parte del sindaco Renato Josca.

La principale critica che viene mossa al primo cittadino è quello di essere impegnato in così tante attività (Iosca è uno stimato medico) da non avere il tempo necessario per portare a termine il lavoro di sindaco.

Il timore da parte della cittadinanza è che a causa dell‘assenteismo di Josca sul territorio, Albanella possa perdere importanti occasioni di crescita e sviluppo.

Il programma elettorale con cui Renato Josca, ha vinto le elezioni politiche nel 2014, è stato oggetto di critiche da parte dell’opposizione locale.

I socialisti hanno messo in discussione il termine ultimo dei lavori pubblici per la rete idrica fissato per fine anno, pena l’annullamento o la revoca del bando regionale previsto per il finanziamento. Un altro punto da chiarire, secondo il Partito Socialista Italiano e i Giovani Socialisti, riguarda la riqualificazione del centro storico che da tempo grava in una situazione di degrado e abbandono.

Anche il consigliere comunale d’opposizione, Enzo Bagini, ha in serbo molte considerazioni sull’amministrazione guidata da Renato Josca e recentemente ha fatto pubblicare volantini raffiguranti Pinocchio,metafora delle promesse non mantenute.

Oltre a considerare la questione della rete idrica, egli pone un altro problema, quello del mutuo: inizialmente il progetto previsto per il campo sportivo di San Nicola è stato in seguito modificato, rischiando di diventare un debito per il comune.

Per quanto riguarda i ragazzi, ad Albanella non esiste l’opportunità di Garanzia Giovani. In merito alla Casa Comunale, è stato necessario attendere il parere della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per ultimare i lavori; sempre nell’ambito di opere pubbliche, gli alunni dell’Istituto Alberghiero non si sono potuti trasferire nelle aule della scuola media in quanto i lavori di efficientamento energetico non sono iniziati, mentre il canile, o meglio rifugio sanitario per gli animali, è stato realizzato ma la società deve essere ancora pagata, anche se le strutture non appartengono al patrimonio comunale.

Infine, Bagini ha criticato l’acquisto e il successivo non utilizzo dell’alzaferetro presso il cimitero.

Dal canto suo, come previsto dal programma elettorale, il sindaco insieme alla sua giunta ha messo in atto il sistema di monitoraggio e di videosorveglianza, ha approvato le osservazioni relative al PUC (Piano Urbanistico Comunale) e la costruzione di un frantoio oleario al posto dell’ex mattatoio comunale. Il primo cittadino ha inoltre affermato che i lavori per la rete idrica, la casa comunale e il potenziamento dell’accesso all’Oasi Bosco Camerine sono pronti a partire.

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA