Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Processione di San Matteo, una festa di riconciliazione

Scritto da Redazione il 22 settembre 2015 in Evidenza,Salerno,Territorio. Stampa articolo

Salerno. Ieri sera nel centro storico di Salerno, dopo le polemiche dello scorso anno si è svolta senza alcuna problematica con migliaia di fedeli, la festa del Santo Patrono.

La Processione è iniziata intorno alle ore 18 accompagnata dalla voce dell’arcivescovo, che recitava le preghiere, favorito da un impianto acustico posizionato in molte zone del corso di Salerno.

La sera le statue dei sei Santi sono state scortate fino davanti al comune di Salerno,ma nel palazzo comunale ha fatto il suo ingresso solo l’arcivescovo, in seguito alla preghiera e alla benedizione, con il braccio di San Matteo.
Foto di Francesco Saggese

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dopo aver effettuato le soste in piazza Portanova, poi tra Corso Vittorio Emanuele e Via dei Principati e Corso Garibaldi, le statue sono rientrate nel Duomo di Salerno dove si è svolta la Santa messa per la chiusura della festa.

Prima della funzione, l’arcivescovo ha voluto ringraziare tutti i fedeli presenti a questa festa, ed ha aggiunto un ulteriore preghiera per San Matteo che benedica tutte le persone di questa città.

Alla cerimonia, non erano presenti il Governatore della regione Campania Vincenzo De Luca e nemmeno il sindaco Enzo Napoli, ma erano presenti Eva Avossa, il presidente della provincia Canfora, alcuni consiglieri comunali e anche il Patron della Salernitana Claudio Lotito.

 

Condividi sui Social network!

© RIPRODUZIONE RISERVATA